Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL VOTO DEL 15 DICEMBRE

Assemblea Telecom, Vivendi rischia grosso

Il 15 dicembre attesa un’affluenza record, anche senza Niel e Jp Morgan. Il socio di maggioranza potrebbe essere messo in minoranza visto il coro di voci contro la proposta di ampliamento del cda da 14 a 17 membri. E non è possibile correre ai ripari: l’odg non è più modificabile

09 Dic 2015

Mila Fiordalisi

Xavier Niel, l’imprenditore francese che ha una posizione lunga in Telecom Italia per il 15%, né Jp Morgan, che ha appena dichiarato di avere una altrettanto posizione lunga per il 10,134%, sono attesi all’Assemblea in programma il 15 dicembre. I due azionisti forti dopo Vivendi (in quota con il 20,1%), stando a indiscrezioni di stampa, si terranno fuori da quella che si annuncia come un’Assemblea di fuoco in cui il socio di maggioranza rischia di essere “schiacciato” dal voto contrario sulla proposta di ampliamento da 13 a 17 membri nel cda di Telecom per aggiudicarsi quattro poltrone ed essere rappresentata con le massime cariche, ossia Arnaud de Puyfontaine (ceo della stessa Vivendi ), Stephane Roussel, Hervé Philippe e Felicité Herzog (questa la seconda proposta sul piatto).

Nonostante il cda di fine novembre di Telecom abbia ritenuto “legittima” la richiesta della società capitanata da Vincent Bolloré in realtà in questi giorni la questione è montata al punto che l’Assemblea del 15 potrebbe passare alla storia per un’affluenza al voto da record. Stando a quanto riferito da alcuni proxy advisor – sulla base delle registrazioni al voto al 4 dicembre – all’Assemblea potrebbe essere dunque rappresentato quasi il 60% del capitale. Proprio i proxy advisor sono fra i contrari alla proposta di Vivendi: Glass Lewis, Frontis, Pirc e Iss hanno infatti consigliato ai propri clienti di votare contro. Sempre stando a indiscrezioni di stampa Vivendi avrebbe voluto uscire dall’impasse ritirando la propria proposta di allargamento del board proprio per non trovarsi sconfitta al momento del voto.Ma formalmente l’ordine del giorno non è più modificabile.

Fra le ipotesi che stanno circolando l’attesa di qualche dimissionario da “rimpiazzare” con un proprio uomo, oppure abbassare a due la richiesta di consiglieri (una proposta fra l’altro che non avrebbe “scomododato” i fondi a intervenire in merito) in occasione dell’assemblea per l’approvazione del bilancio 2015.

Oltre all’allargamento dei membri del cda e alla nomina dei quattro rappresentanti di Vivendi all’ordine del giorno dell’Assemblea della prossima settimana c’è anche la conversione delle azioni di risparmio in ordinarie, che per passare dovrà essere approvata a maggioranza dei due terzi. Vivendi si opporrà “vendicandosi” del mancato ottenimento dei propri rappresentati in cda? Facendo dunque decadere la proposta? Stando ai commenti attorno alla questione il socio francese non avrebbe alcun buon motivo per votare contro, anzi la riforma del capitale sociale di Telecom sarebbe ritenuta più che conveniente.

Articolo 1 di 5