SCENARI

Assicurazioni digitali, per le banche scatta l’ora delle offerte innovative

Secondo stime dell’Italian Insurtech Association entro fine anno il 50% degli istituti di credito venderà polizze online: dal 20% del 2022 si salirà al 90% nel 2030. In evoluzione anche tipologie e quantità di prodotti, da 20 a 200 che spaziano dal ramo vita alla casa, dagli infortuni sportivi alla mobilità urbana. Embedded Insurance, A scaffale e Phygital i tre modelli che si stanno facendo strada

Pubblicato il 24 Feb 2023

HomixSmartModem_configurazione_appHomix1

Entro il 2030 il 90% delle banche italiane venderà assicurazioni digitali. Il trend emerge da una ricerca dell’Italian Insurtech Association secondo cui il mercato bancassicurazione arriverà a valere globalmente 2 trilioni di euro entro il 2026 sulla spinta delle strategie digitali introdotte dagli istituti bancari. Entro fine 2023 circa il 50% delle banche utilizzerà strumenti digitali per la vendita di polizze assicurative.

Cosa determina il nuovo trend

Il modello digital bancassurance si propone oggi come una delle principali opportunità per far fronte alla rapida digitalizzazione del settore finanziario, permettendo ai clienti di acquistare, comodamente da dispositivi mobile, soluzioni di protezione innovative.

Il numero di banche digitali in Italia è in aumento, una risposta obbligatoria considerando che oggi 9 clienti su 10 aprono un conto corrente online, e il 35% non si reca più agli sportelli. Secondo la ricerca, l’80% del target bancario è oggi digitale, ma l’offerta assicurativa digitale è ancora limitata: nel 2022 solo 20% delle banche italiane ha distribuito prodotti assicurativi online, numero che però, secondo le previsioni, è appunto destinato a salire a 90% entro il 2030.

Allo stesso modo aumenteranno anche il numero di prodotti offerti dalla digital bancassurance, solo 10 nel 2022, focalizzati principalmente sul ramo vita, ma che cresceranno a oltre 200 prodotti, spaziando da infortuni per lo sport, a mobilità urbana, sino alla casa.

Cosa succede nel resto del mondo

La vendita e distribuzione di prodotti assicurativi digitali è diventato un asset fondamentale nella strategia di crescita delle banche, soprattutto le neonate fintech, che si approcciano a una customer base sempre più digitale. Secondo la ricerca il mercato globale della bancassicurazione ha raggiunto circa 1,3 trilioni di euro nel 2020 e dovrebbe crescere a un tasso di crescita annuale composto del 6% tra il 2021 e il 2026, raggiungendo un valore di 2 trilioni di euro entro il 2026.

Lato valore dei premi assicurativi l’associazione prevede un incremento entro il 2030 fino a un massimo di 50 miliardi di euro a livello europeo.

Quali sono i prodotti trainanti

I volumi della digital bancassurance cresceranno esponenzialmente trainati principalmente dal ramo Vita e Danni. Nel 2021 infatti il comparto bancassicurativo ha consolidato la propria rilevanza in questi due ambiti, soprattutto nel ramo danni dove le banche italiane nel 2021 hanno accumulato il 7,8% dei premi danni totali del mercato, per un valore di 39,1 mld euro, contro il 2,9% del 2009.

Di questi, al momento, solo una minima parte è appannaggio della digital bancassurance, che ha raccolto un totale di 100 milioni di euro nel 2022. Cifra che tuttavia è destinata ad aumentare grazie all’incremento di prodotti venduti attraverso canali digitali: secondo le stime di Italian Insurtech Association si prevedono 2,5 mld di volumi di prodotti venduti entro il 2025, e oltre 14mld nel 2030, con sempre il settore danni a trainare il mercato.

Le banche muovono verso un’offerta omnichannel

“La digitalizzazione del settore finanziario è la via per avvicinare i prodotti bancari/assicurativi ad una nuova tipologia di cliente che si muove unicamente nel mondo online, che non apre conti in banca e che non chiama gli intermediari – spiega Simone Ranucci Brandimarte, presidente di IIA –. Nell’ultimo anno abbiamo assistito a importanti collaborazioni nell’ambito della digital bancassurance, tra cui Banca Sella e Yolo, che evidenzia come le banche abbiano capito l’importanza di muoversi verso un’offerta omnichannel, affidandosi a player del mondo insurtech”.

Complessivamente il report evidenzia un livello di digitalizzazione del settore bancassicurativo non ancora adeguato agli standard e con una bassa penetrazione. Lo scarso utilizzo di piattaforme e strumenti digitali per la vendita di questi prodotti, e di una customer experience ancora acerba è valutato appena sufficiente dai clienti, posizionando le banche italiane a metà classifica nell’Index. Il punteggio raggiunto è di 16/30 secondo le tre direttrici sviluppate da Italian Insurtech Association per realizzare il Digital Bancassurance Index: l’utilizzo di tecnologie digitali per la vendita di polizze assicurative, l’automazione di processi aziendali, valutazione della Customer experience digitale.

I modelli distributivi emergenti

La sfida per gli operatori della digital bancassurance sarà quella di sfruttare nuovi modelli distributivi emergenti per allargare il proprio bacino clienti. Tra i modelli più utilizzati troviamo l’Embedded Insurance (l’offerta assicurativa viene integrata durante il processo di acquisto dell’offerta core o nelle carte di credito o conti correnti al fine di arricchire la proposizione), A scaffale (ingaggio del cliente sul sito e/o app del partner e finalizzazione dell’acquisto in ambiente partner), Phygital (ingaggio della rete fisica nella distribuzione online di soluzioni innovative su piattaforma dedicata).

La tecnologia sarà un fattore abilitante in questa fase, perché supporterà la distribuzione di polizze nei canali digitali delle banche (internet banking e app) e aiuterà a rafforzare l’offerta di prodotti con una sempre maggiore personalizzazione, anche sul prezzo.

Le prossime sfide per le banche italiane

“L’evoluzione della digital bancassurance è in corso ma è chiaro che per raggiungere livelli di competizione ottimale c’è ancora molta strada da fare – dice Ranucci Brandimarte -. Il sistema bancario italiano per anni è appoggiato ai canali fisici e ora è chiamato a migrare totalmente nell’universo digitale. Per accelerare questo passaggio una soluzione può essere la collaborazione tra banche e aziende insurtech, che in quanto native digitali posseggono il know-how e le competenze per offrire ai clienti le soluzioni richieste. Ma è chiaro che in una fase più matura le banche dovranno mettere a sistema una serie di iniziative per aggiornare le proprie competenze e migliorare l’offerta, passando da prodotti standardizzati a un maggiore livello di personalizzazione e rilevanza, studiati per essere venduti in modalità stand-alone”.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5