Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

TREND

Assistenti vocali, mercato in volata

Secondo Juniper Research il numero di quelli utilizzati per accedere ai dispositivi di casa intelligente raggiungerà i 555 milioni entro il 2024, rispetto ai 105 milioni del 2019. Amazon al top

05 Ago 2019

Giampiero Rossi

Soprattutto negli ultimi anni e con la vendita di Alexa, gli assistenti vocali sono aumentati in maniera vertiginosa nelle case di tutto il mondo e ancora di più si apprestano a incrementare il loro numero.

Infatti, una nuova ricerca di Juniper Research dal titolo Smart Homes: Strategic Opportunities, Business Models & Competitive Landscape 2019-2024 ha rilevato che il numero di assistenti vocali utilizzati per accedere ai dispositivi di casa intelligente raggiungerà i 555 milioni entro il 2024, rispetto ai 105 milioni del 2019. Addirittura entro il 2024, si prevede che oltre il 90% degli assistenti vocali verrà utilizzato per controllare i dispositivi domestici intelligenti, e questo grazie anche alla maggiore partecipazione dei produttori cinesi.

Inoltre, la ricerca afferma che Amazon è all’avanguardia, e questo è dovuto alle funzionalità avanzate dell’hub incluse in Echo Plus, agli ingenti investimenti dal suo fondo Alexa e all’accesso Alexa Skills, che abilita un vasto ecosistema ad app di terze parti; per di più le recenti acquisizioni di alto profilo, come Blink e Ring, rafforzeranno ulteriormente la sua posizione.

Google, invece, trarrà vantaggio dalla sua acquisizione di Nest, aggiungendo Assistant in una nuova gamma di dispositivi come il Google Nest Hub Max.

Juniper ritiene che l’investimento di Google nell’IA consentirà di aggiungere funzioni più intelligenti e autonome, fornendo un elemento di differenziazione convincente.

Interessante il fattore riguardante la Cina, infatti, anche i produttori cinesi stanno sviluppando sempre più assistenti vocali avanzati, come iFlytek, Baidu e Huawei.

In più, anche se l’attuale penetrazione degli assistenti vocali in Cina è bassa, si prevede che gli altoparlanti intelligenti a basso costo passeranno a oltre 100 milioni nel 2024, dai soli quattro milioni del 2019.

Tuttavia, date le preoccupazioni di sicurezza intorno a Huawei, l’influenza cinese sarà limitata al mercato interno.

Infatti, le problematiche intorno alle preoccupazioni che possono portare gli assistenti vocali, soprattutto se lanciati nei mercati occidentali, ne limiteranno il loro potenziale complessivo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
assistenti vocali
J
juniper research

Articolo 1 di 3