Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

TRASPORTI

Atac-Mastercard: a Roma biglietti “contactless” per la metropolitana

Grazie al nuovo servizio “tap&go” si potrà accedere alle linee A, B, e C pagando con la carta o lo smartphone direttamente al tornello, senza bisogno di avere il biglietto cartaceo

19 Set 2019

A. S.

Entrare nella metropolitana di Roma utilizzando la carta di credito o debito contactless, lo smartphone o lo smartwatch direttamente al tornello, senza dover esporre il biglietto cartaceo e senza pagare commissioni aggiuntive. E’ possibile nella Capitale grazie a “Tap&Go”, il progetto realizzato da Atac in collaborazione con Mastercard. Questa innovazione, si legge in una comunciato, prosegue la trasformazione digitale di Atac che, oltre a migliorare la qualità del servizio per i cittadini facilitando il pagamento del biglietto, rappresenta uno dei sei pilastri del piano industriale e un’importante leva per l’aumento dei ricavi di mercato.

“Un sistema rivoluzionario, innovativo, semplice e diretto che sarà utilissimo a cittadini e turisti – afferma la sindaca Virginia Raggi – Da oggi gli utenti possono utilizzare la carta di credito o debito contactless al tornello e ottenere il titolo di viaggio per la rete metropolitana e ferroviaria regionale, senza dover più acquistare il biglietto cartaceo. Uno strumento intuitivo e sicuro che si inserisce in un percorso di semplificazione e innovazione tecnologica che abbiamo avviato da tempo in diversi settori, per rendere la nostra città sempre più smart e competitiva a livello internazionale”.

“Siamo lieti di annunciare oggi insieme ad Atac una nuova modalità di vivere i trasporti a Roma, perfettamente in linea con l’evoluzione digitale che stanno vivendo le città in Italia e nel mondo – aggiunge Michele Centemero, country manager Italia di Mastercard – In qualità di player tecnologico, ci impegniamo ad essere una forza trainante del settore pubblico e privato, per aiutare le città in questo cambiamento, fornendo tutti gli strumenti e le strutture necessari a rispondere alle nuove esigenze di un cittadino sempre più smart”.

“L’attivazione di tap&go è una straordinaria opportunità per i cittadini e per Atac, non solo perché facilita notevolmente la vita di chi utilizza il trasporto pubblico, migliorando al tempo stesso i nostri ricavi da traffico, ma soprattutto perché segna un profondo cambiamento del paradigma che finora è stato alla base del trasporto pubblico e delle politiche commerciali dell’Azienda – sottolinea Paolo Simioni, Presidente Atac – Il modello che aveva al centro del sistema un titolo di viaggio memorizzato su un supporto, prima magnetico adesso elettronico, il biglietto o la tessera, sta evolvendo verso un sistema che ha al centro il cliente. Fino a ieri il passeggero doveva cercare il biglietto. Oggi, e sempre più in futuro, il biglietto viene incontro al cliente utilizzando gli strumenti di cui il cliente già dispone. Succede ad esempio già con B+, il sistema di Atac che consente al cliente di usare lo smartphone per comprare titoli. E da oggi, fondamentale passo in avanti, con tap&go, che si appoggia alle carte di pagamento di cui ormai disponiamo tutti: in altre parole, il biglietto ce l’hai già in tasca ed alla miglior tariffa disponibile! Un’azienda di trasporto moderna ed efficiente non può che intraprendere questo percorso. Atac lo ha già fatto”.

“Grazie a questa innovazione non solo semplifichiamo l’utilizzo della linea metropolitana e delle ferrovie regionali, ma lo incentiviamo, consentendo a tutti di accedere direttamente al tornello con un ‘tap’ – conclude Linda Meleo, assessore alla Città in Movimento  – È una grande rivoluzione per il trasporto pubblico locale che migliora l’accessibilità alla rete e darà sicuramente risultati importanti anche in termini di vendite dei titoli di viaggio”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4