Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Auto, il software “blocca” Toyota

L’azienda nipponica richiama oltre 15mila vetture a causa di un difetto della piattaforma che gestisce il servosterzo. Sarà la filiale italiana ad apportare le modifiche al sistema

04 Nov 2010

15.463 vetture iQ. Sono quelle che Toyota Italia, nell'ambito
di una campagna di richiamo internazionale di Toyota Motor
Corporation, richiamerà in Italia per apportare una modifica al
software utilizzato per gestire il sistema di servosterzo elettrico
del veicolo.

A comunicarlo una nota della società, precisando che
''tale inconveniente è stato riscontrato soltanto in
Giappone, in circostanze molto specifiche. Non c'è stata
alcuna segnalazione in Europa. Non sono stati registrati incidenti
dovuti a tale condizione''.

Nel dettaglio, su un certo numero di veicoli iQ, prodotti tra
l'11 settembre 2008 e il 22 ottobre 2010, guidando su
particolari tipi di bande sonore, talvolta posizionate
sull'asfalto autostradale, i segnali dei sensori del
servosterzo elettrico (Eps) potrebbero essere erroneamente
interpretati dalla centralina di controllo del servosterzo stesso.
In tal caso, potrebbe accendersi la spia di allarme del sistema Eps
e il guidatore potrebbe aver bisogno di applicare uno sforzo
maggiore per sterzare il veicolo.

L'intervento previsto – precisa la nota – consiste
nell'aggiornamento del software o nella sostituzione
dell'unità di controllo del sistema Eps. Avrà la durata di
circa 2 ore e sarà effettuato gratuitamente.

I possessori dei veicoli coinvolti in questa campagna saranno
avvertiti tramite una lettera raccomandata A/R. Toyota si
assicurerà inoltre che i veicoli prodotti prima del 22 ottobre
2010 e non ancora consegnati, vengano controllati ed eventualmente
aggiornati prima della consegna al cliente. ''I nostri
obiettivi sono: 'il cliente al primo posto' e la qualità
totale dei nostri prodotti'' ha commentato Didier Leroy,
presidente di Toyota Motor Europe e responsabile Qualità per
l'Europa, aggiungendo che ''per quanto riguarda questa
campagna, la nostra rete di concessionarie si occuperà di tutti i
nostri clienti per effettuare le procedure di riparazione nel modo
più efficiente possibile e con il minimo disturbo''.