Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SCENARI

Intelligenza artificiale “manna” del business: profitti accelerati fino all’80%

I dati dello studio Oracle sugli impatti legati a finance e operations: grazie all’AI gli errori finanziari diminuiscono del 37% e aumentano notevolmente i benefici sulle tempistiche della supply chain

13 Feb 2020

A. S.

L’adozione dell’intelligenza artificiale e delle tecnologie più avanzate nei processi di gestione finanziaria delle aziende contribuisce in modo decisivo alla velocità di crescita dei profitti, accelerandola fino a un +80%. E’ quando emerge dalla ricerca “Emerging technologies: The competitive edge for finance and operations” realizzata da Enterpirse strategy group e Oracle intervistando 700 top manager in 13 Paesi in ambito finanche e operations. Ne è emerso che in media Intelligenza artificiale, Internet of Things (IoT), blockchain e assistenti digitali riescono a dare a chi li adotta risultati migliori rispetto a quelli attesi.

Tra i benefici più importanti registrati dalla ricerca c’è il fatto che gli errori finanziari diminuiscono in media del 37%, mentre nel 72% dei casi grazie all’AI la percezione delle performance complessive di business risulta più chiara. Quanto agli assistenti digitali, sono in grado di migliorare fino a un +36% la produttività e accelerano del 38% i tempi necessari per realizzare analisi finanziarie. Più di otto intervistati su 10 inoltre si dicono convinti che l’intelligenza artificiale renderà completamente automatici i processi di chiusura del conto finanziario entro cinque anni.

Passando al campo della logistica e della supply chain, in questo caso l’intelligenza artificiale, affiancata dall’internet of things ed eventualmente dalla blockchain può essere estremamente utile per migliorare anche la precisione, la rapidità, la profondità delle informazioni disponibili a livello operativo e di supply chain. 

Nello specifico, le società che usano l’AI nella supply chain hanno visto ridursi i tempi di chiusura degli ordini in media di 6,7 giorni lavorativi. Inoltre applicando dati IoT ai processi di supply chain, le aziende possono ridurre in media del 26% gli errori nella soddisfazione degli ordini. La riduzione degli errori sugli ordini è pari in media al 25%, mentre scendono di oltre il 30% i casi di esaurimento scorte e del 26% le interruzioni operative. Cresce di pari passo anche la produttività dei dipendenti (+28%) e la rapidità di d’analisi (+26%). Infine la blockchain: l’87% di chi la utilizza afferma di aver ottenuto o superato le loro aspettative di ritorno sull’investimento, e l’82% si aspetta di ottenere da essa un significativo incremento di valore per il business entro il prossimo anno, compresa la riduzione delle frodi nella catena di fornitura.

DIGITAL EVENT, 29 APRILE
AI ed Etica: le 4 regole per riuscirci
Intelligenza Artificiale

Passandoinfine ai vantaggi competitivi che possono venire alle aziende dalle nuove tecnologie, dalla ricerca emerge che le aziende che usano più tecnologie emergenti hanno una probabilità 9,5 volte maggiore di ottenere la leadership di mercato come livello di precisione finanziaria e operativa.

“AI, IoT, blockchain e digital assistant offrono alle aziende strumenti per innovare più velocemente, creando un vantaggio competitivo importante e facendo crescere i profitti di chi le adotta con più decisione degli altri – afferma Juergen Lindner, senior vice president, SaaS product marketing, Oracle – La ricerca evidenzia che queste tecnologie sono diventate mainstream e le organizzazioni che restano a guardare rischiano di perdere rilevanza. Per aiutare i nostri clienti ad accelerare il passo e di conseguenza superare i concorrenti, introduciamo continuamente nuove funzionalità basate sulle tecnologie emergenti direttamente nei processi di business, per aiutare che possano sfruttarne tutte le potenzialità dirompenti”.

“Lo studio rende chiaro che le tecnologie emergenti hanno superato la fase di prova e si stanno diffondendo molto – conclude John McKnight, Evp of Research and Analyst Services of Enterprise Strategy Group – L’opportunità di investire in queste tecnologie in aree come finance e operations sta rapidamente maturando – e in molti casi i vantaggi superano le aspettative. Inoltre, la ricerca mostra che le tecnologie emergenti si completano e amplificano i rispettivi vantaggi, il che sottolinea l’importanza di avere un approccio olistico al riguardo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4