Banda larga, Onu: "Strumento contro l'analfabetismo" - CorCom

Banda larga, Onu: “Strumento contro l’analfabetismo”

Giancarlo Innocenzi Botti (Broadband Commission): “Lavoriamo per portare Internet veloce nei Paesi in via di sviluppo. Serve più attenzione alle donne e alla creazione di nuove imprese”

04 Mar 2015

Il dibattito di questi giorni sulla banda larga in Italia è entrato prepotentemente nei lavori della Broadband Commission delle Nazioni Unite che si è riunita a Parigi presso l’Unesco per l’11 Meeting.

I telefoni cellulari, tablet e e-reader con connettività a banda larga potrebbero rivelarsi la panacea nello sforzo globale e per portare opportunità educative multidisciplinari in tutto il mondo, in particolare nelle comunità più povere o più isolate del pianeta. I più sofisticati dispositivi mobili oggi hanno una potenza di calcolo superiore ai famosi supercomputer degli anni novanta.

Un rapporto del gruppo di lavoro della Commissione per l’istruzione, guidato dall’Unesco, ha indicato che, in tutto il mondo, oltre 60 milioni di bambini in età scolare attualmente non frequentano la scuola e quasi la metà del numero non lo farà mai. La situazione sta peggiorando, oggi sono oltre 70 milioni i bambini che non sono iscritti nella scuola secondaria.

Dati Itu mostrano che la banda larga mobile è la tecnologia con più rapida crescita nella storia umana. Il numero di abbonamenti di telefonia mobile supera ormai la popolazione mondiale di circa sette miliardi, e gli abbonamenti a banda larga mobile attivi superano 2,1 miliardi – tre volte superiore rispetto ai 700 milioni di connessioni a banda larga wireline in tutto il mondo.

La maggior parte di questo progresso ha avuto luogo nei paesi in via di sviluppo, che ha rappresentato il 90% delle attivazioni nette globali per cellulare mobile e il 82% delle attivazioni nette globali di nuovi utenti Internet da inizio 2010.

“L’istruzione è uno dei più potenti usi a cui la connettività a banda larga potrebbe servire “, ha detto il segretario generale Itu Houlin Zhao. “Per la prima volta nella storia, la banda larga mobile ci dà la possibilità di portare veramente l’istruzione a tutti, indipendentemente dalla posizione geografica di una persona, da differenze linguistiche e culturali, e pronto accesso alle infrastrutture come scuole e trasporti. L’Istruzione guiderà l’imprenditorialità, in particolare tra i giovani – ed è il motivo per cui dobbiamo sforzarci di più per ottenere reti a banda larga a prezzi accessibili.

Fondata nel 2010, la Broadband Commission è l’ organismo di più alto livello delle Nazioni Unite che si concentra sulle strategie per rendere la banda larga più disponibile e accessibile in tutto il mondo ed è riconosciuta come un pilastro fondamentale degli obiettivi dello sviluppo sostenibile.

E ‘ presieduta dal Presidente del Ruanda Paul Kagame e dal messicano Carlos Slim Helú, con il segretario generale dell’Itu Houlin Zhao e il Direttore generale dell’Unesco Irina Bokova come co-vicepresidenti .

Il meeting di Parigi si è svolto in concomitanza con l’evento di punta dell’Unesco, il Mobile Learning Week (MLW) , co- organizzato quest’anno con l’agenzia sorella UN Women. I Commissari della Broadband hanno anche partecipato al Forum della MLW “Sfruttando la tecnologia per l’empowerment delle donne e delle ragazze” ed hanno potuto interagire con i Ministri dell’Istruzione e gli alti rappresentanti di organizzazioni internazionali per l’utilizzo della banda larga mobile per l’educazione.

Ogni giorno, in tutto il mondo, le donne e gli uomini stanno inventando nuovi modi di utilizzo della banda larga, telefoni cellulari e computer per potere essere più autonomi e liberi”, ha detto Direttore generale dell’Unesco Irina Bokova.

“Abbiamo bisogno di un tocco di inventiva per migliorare l’istruzione, soprattutto per le ragazze e le donne. Ma abbiamo una lunga strada da percorrere. Due terzi degli adulti analfabeti sono donne, e due terzi dei bambini in età scolare al mondo che non frequentano la scuola sono bambine. Questa è un enorme ingiustizia e un gap che dobbiamo assolutamente colmare. La continua espansione della banda larga in combinazione con la tecnologia può aiutare a fare passi da gigante in questa direzione”.

Parlando all’apertura della sessione della Commissione, il Presidente Paul Kagame ha sottolineato che la banda larga deve essere considerata come un programma di utilità di base, come l’acqua e l’elettricità.

“In Ruanda, gli investitori nelle Tlc hanno reso possibile il raggiungimento dei nostri obiettivi di sviluppo. La banda larga consente alle imprese e al sociale di trovare il modo di offrire l’istruzione di classe mondiale a basso costo, soprattutto per le popolazioni che non ne hanno mai avuto accesso. Centri di conoscenza che vengono resi accessibili e utilizzati in modo produttivo per i paesi in via di sviluppo e le comunità isolate e che avranno pertanto bisogno di un più veloce, affidabile accesso a Internet. La stessa esigenza per i governi soprattutto per fornire i servizi essenziali. La tecnologia a banda larga può migliorare l’efficienza della pubblica amministrazione e la responsabilità dei cittadini, indipendentemente da dove vivono.

Kagame è stato raggiunto dal Co-presidente Carlos Slim Helú , che ha chiesto ai Commissari se siamo sicuri che il potenziale della banda larga per l’istruzione sia completamente utilizzato in modo da consentire a iniziative di successo , come ad esempio le nuove piattaforme online che forniscono molti contenuti formativi preziosi risultino rapidamente a disposizione di persone in tutto il mondo. La tecnologia deve essere utilizzata per l’inclusione, e dovremmo fare sforzi vigorosi per garantire questo”.

La Commissione della banda larga ha quindi affrontato la questione chiave della formazione attraverso un apposito gruppo di lavoro guidato dall’Unesco.

Alla sessione mattutina della Commissione, sono venuti contributi importanti dalla Itu m-Powering Development e Smart Sustainable Development Model Initiative e sono stati presentati al Gruppo. Il rapporto m-Powering Development, sviluppato da un multi-stakeholder Advisory Board guidato da Telecommunication Development Bureau di Itu (Bdt), ritiene che le innovazioni tecnologiche e le iniziative che utilizzano i telefoni cellulari possano potenzialmente portare benefici esponenziali per intere comunità e dare un contributo prezioso per l’agenda dello sviluppo globale. La relazione del Smart Sustainable Development Model Initiative anche guidato da Bdt, si concentra sul legame tra Ict for Development (Ict4D) con Ict for Disaster Management (Ict4DM) e il loro ruolo nei processi di sviluppo sostenibile.

Per saperne di più circa lo stato attuale della connettività a banda larga in tutto il mondo , consigliamo di leggere l’edizione 2014 della relazione di “Stato Relazione banda larga: banda larga per tutti” , con classifiche paese per paese sulla base di accesso a banda larga e accessibilità per oltre 160 economie.