Banda ultralarga, il Sud decolla ma troppe tasse frenano lo sviluppo - CorCom

IL RAPPORTO

Banda ultralarga, il Sud decolla ma troppe tasse frenano lo sviluppo

Buone le performance di Campania, Puglia e Sicilia dove, però, il carico fiscale rischia di bloccare la ripresa. Il Nord brilla per la presenza di startup: Lombardia e Veneto al top. Ecco la fotografia scattata dall’ultimo rapporto I-Com sull’economia delle regioni

04 Ott 2016

F.Me

Il Sud Italia è in crescita sul fronte infrastrutture e Tlc ma carico fiscale frena sviluppo. Sono queste le conclusioni dello studio dell’Istituto per la Competitività, I-Com, “L’economia delle Regioni italiane e i rapporti tra amministrazioni territoriali e imprese”, presentato oggi a Roma in occasione dell’ultima tappa della seconda edizione di Orti (Osservatorio sulle relazioni territorio-impresa), che nei mesi scorsi ha toccato Firenze, Bari e Bologna con eventi ad hoc.

Per descrivere il grado di competitività delle Regioni italiane, I-Com ha elaborato un indice sintetico che prende in considerazione alcune variabili relative alla dotazione infrastrutturale. Da questo criterio di misurazione, si rileva la buona performance di Campania, Puglia e Sicilia specialmente nel settore della banda ultra-larga. La Campania è al secondo posto del ranking nazionale, dopo la Lombardia, grazie anche a un’ottima capillarità della rete di distribuzione elettrica.

“Dal nostro indice risulta un dato quantitativo che naturalmente va letto insieme a quello sulla qualità spiega Stefano da Empoli, presidente di I-Com, che ha curato il rapporto insieme a Gianluca Sgueo, direttore Area Istituzioni I-Com. – È innegabile però il miglioramento delle reti di alcune Regioni del Mezzogiorno, che rappresenta un’opportunità di sviluppo da non sprecare. E non deve dare più alibi alle amministrazioni regionali e locali che continuano a offrire a cittadini e imprese un rapporto troppo spesso penalizzante tra qualità e costo dei servizi”.

Ne è una prova tangibile il carico fiscale per le industrie che nel Sud è in media maggiore rispetto a quello del Nord. L’aliquota Irap più alta si registra in Campania (4,97%), Sicilia, Puglia e Calabria (4,82%). Mentre nelle Regioni del Nord si applica l’aliquota ordinaria (3,90%).

Dal rapporto emerge, infine, la leadership del Nord per quanto riguarda la distribuzione di startup innovative, con oltre il 55% del totale (ma sono le Marche a guidare la classifica per numero di start-up pro-capite, davanti, rispettivamente, a Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Lombardia, Friuli Venezia Giulia e Abruzzo), e la presenza di aziende a partecipazione estera. La Lombardia ospita, infatti, 4.431 multinazionali, il 5,5% del totale delle industrie della Regione. Secondo I-Com, le imprese della sola Lombardia potrebbero potenzialmente occupare il 4,4% dei disoccupati italiani, seguite da quelle del Veneto (2,4%).

WHITEPAPER
Trasformazione digitale: le tecnologie più rilevanti per supportare la crescita delle aziende
Digital Transformation

Nello studio vengono poi approfonditi 16 casi concreti in cui il rapporto fra PA locale e imprese si è dimostrato particolarmente virtuoso, rivelando come sia possibile costruire il successo del Paese superando diffidenze e immobilismo. I-Com ha chiamato questi casi #ItaliaSì. Per superare l’impasse che blocca il Paese l’Istituto per la Competitività ha proposto un “Manifesto delle buone relazioni tra territori e imprese”, un decalogo capace di individuare i punti cardinali di una nuova relazione virtuosa fra industrie e territori, guidata dalla comune volontà di perseguire nel modo migliore i propri interessi di lungo termine e dunque di contribuire all’interesse generale dell’Italia.

Su questo rapporto, prevede I-Com, potrebbe incidere la riforma costituzionale, che nella revisione del Titolo V, che regola le relazioni tra Stato e autonomie territoriali, ha uno dei suoi piatti forti e anche dei meno controversi, tanto è evidente il malfunzionamento della revisione del 2001. Manifesto alla mano, il rapporto Orti mostra gli impatti possibili della riforma, in alcuni casi sostanziali, sulle interazioni tra aziende e istituzioni territoriali.

L’Osservatorio Orti, incubatore itinerante di relazioni virtuose tra imprese e enti locali, ha avuto il sostegno di Abbvie, Banca Farmafactoring, Basf, Enel, Eni, Global Solar Fund, GVM Care&Research, Hewlett Packard Enterprise, Eli Lilly, Terna, Trans Adriatic Pipeline, ed è stato sviluppato in partnership con Public Affairs Advisors.