Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Banda ultralarga, Tiscar: “Credito d’imposta in legge stabilità”

L’annuncio del vicesegretario generale di palazzo Chigi: “Previsto anche un fondo di garanzia per le aziende che investiranno nelle aree target”

24 Set 2015

A.S.

“Il decreto è uno strumento che si può utilizzare. Ma ci sono anche altri mezzi, l’importante è il risultato”. Lo ha detto, riferendosi all’attuazione del piano per la banda ultralarga del Governo, il vicesegretario alla presidenza del Consiglio Raffaele Tiscar (nella foto), a margine del convegno “Cyber security Energia”. “Ci sarà per esempio un decreto attuativo per l’utilizzo delle infrastrutture esistenti – ha aggiunto – visto che la legge europea è stata approvata”.

“Nella legge di Stabilità – ha proseguito Tiscar – saranno inserite due previsioni che necessitano di una norma primaria, ossia un fondo di garanzia accessibile agli operatori che investono nelle aree target e un credito d’imposta”.

Riguardo alla consultazione indetta da Infratel, che è il soggetto attuatore del piano di palazzo Chig, che ha contato sulla partecipazione di 30 operatori delle telecomunicazioni, ognuno dei quali ha presentato i propri piani di investimento per la banda ultralarga, Tiscar ha sottolineato: “Si tratta di un’indicazione generica di investimento che non è vincolante, ma si tratta comunque di un bagaglio di conoscenze, e verrà pubblicata”.