Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA MATRICOLA

Banzai porta in Borsa le “costole” e-commerce ed editoria

Il debutto il 16 febbraio. Lo ha annunciato il founder Paolo Ainio. A Piazza Affari fino al 39,4% del capitale. Si punta a raccogliere 50 milioni da investire in tecnologia

02 Feb 2015

L.M.

È atteso per il 16 febbraio il debutto in Borsa di Banzai. Il gruppo dell’e-commerce e dell’editoria nativa digitale con testate quali ilPost, Giallo Zafferano, Giornalettismo, Liquida, Pianeta Donna, Soldionline, Studenti.it, porterà a piazza Affari fino al 39,4% del capitale e punta a utilizzare i 50 milioni di euro che raccoglierà in caso di sottoscrizione integrale dell’ aumento di capitale per crescere investendo sulla propria rete e sulla tecnologia.

“Non vediamo grandi acquisizioni all’ orizzonte – ha spiegato il fondatore Paolo Ainio, presentando l’operazione – continueremo a farne di piccole, come abbiamo sempre fatto, ma non raccogliamo soldi per operazioni importanti”. Banzai ha chiuso i primi nove mesi del 2014 con una perdita di 2,5 milioni di euro ed ha archiviato in rosso anche gli anni precedenti, a fronte però di una crescita costante dei ricavi: “Il nostro livello di perdita sul fatturato è sempre stato sostenibile e ancora per un po’ di tempo non faremo utili” ha anticipato Ainio.

L’ operazione non è stata messa in piedi “per acquisizioni rilevanti” ha detto ancora Ainio. “Siamo pronti per fare” questo passo, ha aggiuno, rilevando che “ci sono le condizioni di mercato”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
banzai
B
borsa
G
Giallo Zafferano
P
paolo ainio

Articolo 1 di 4