Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

TREND

Blockchain, AI e quantum computing: ecco i tech trend 2019

Nella top ten di Gartner delle tecnologie disruptive per il nuovo anno ci sono anche edge computing, autonomous things ed etica digitale. Scatta l’ora del “digital mesh intelligente”: dispositivi smart e connessioni pervavise

27 Dic 2018

Patrizia Licata

giornalista

Blockchain, quantum computing, augmented analytics e intelligenza artificiale saranno le tecnologie che innescheranno cambiamenti rivoluzionari nelle imprese e nella società e spingeranno alla creazione di modelli di business inediti nel 2019. Ma ci sono anche gli spazi smart e l’etica digitale e della privacy negli scenari dell’anno nuovo. Lo scrive Gartner nel suo studio “Top 1o strategic technology trends for 2019”.

I dieci trend tecnologici che guideranno il 2019 sono quelli che, secondo la società di ricerche, raggiungeranno un punto di svolta nei prossimi cinque anni e includono, oltre a quelli citati, autonomous things, digital twins, empowered edge, esperienza immersiva.

“Il futuro sarà caratterizzato da dispositivi smart che offrono servizi digitali sempre più intelligenti ovunque ci si trovi“, afferma David Cearley, Gartner Distinguished vice president analyst. “Lo chiamiamo il digital mesh intelligente“, prosegue Cearly, dove l’aggettivo intelligente sottolinea come l’AI sia virtualmente in ogni tecnologia esistente e sia capace di creare categorie dell’hitech completamente nuove; digitale indica un nuovo mondo immersivo che combina il mondo fisico e quello connesso; mesh si riferisce all’utilizzo di collegamenti sempre più capillari tra persone, imprese, device, contenuti, servizi.

Questi trend e le tecnologie della top ten sono quelle che trainano oggi l’innovazione, secondo Gartner.

Un ruolo importante verrà svolto dalla “analisi aumentata”, che utilizza strumenti di apprendimento automatico al fine di migliorare il modo in cui gli analytics tradizionali sono sviluppati, consumati e condivisi, spiega Gartner. Le nuove intuizioni rese possibili dagli analytics saranno a disposizione delle applicazioni aziendali, con un’adozione sempre più diffusa. In azienda troveranno applicazione, per esempio, nelle risorse umane, nella finanza, nelle vendite, nel marketing, nel servizio clienti, negli acquisti e nella gestione degli asset.

Tra i concetti più innovativi c’è quello di digital twins, la rappresentazione digitale di un oggetto, processo o sistema reale: serve a prendere decisioni di business più robuste e affidabili perché basate su un modello che rispecchia la realtà. Per Gartner avranno un’applicazione in particolare nel mondo IoT.

Gli spazi smart (smart spaces) sono invece ambienti fisici o digitali in cui persone e sistemi abilitati dalle tecnologie interagiscono in ecosistemi sempre più aperti, coordinati e intelligenti; un tipico esempio è la smart city.

Moreno Simonetta, B.U. manager business intelligence di SB Italia, società specializzata in soluzioni It per la gestione, l’integrazione e la digitalizzazione dei processi aziendali, commenta: “I trend di Gartner evidenziano uno scenario in parte di evoluzione, in parte di profonda trasformazione, dove appare chiaro che il controllo del dato – anche in chiave predittiva – sarà sempre più importante sia per interpretare le performance che per definire le strategie. Grazie alle più moderne tecnologie – big data, cognitive, augmented analytics – e alla competenza di partner specializzati, le aziende possono scoprire insight rivoluzionari, aprendo scenari importanti per il miglioramento o la completa automatizzazione dei processi. SB Italia sta già sperimentando con successo la validità di alcune di queste soluzioni, in stretta collaborazione con i principali vendor”.

SB Italia può, ad esempio, guidare i clienti in un rapido percorso di adozione di strumenti e metodi “smart” per arricchire i dati aziendali con dati open o di origine IoT, ma “nel tempo assisteremo a trend tecnologici il cui impatto andrà al di là della tecnologia, per toccare aspetti sempre più organizzativi e personali, per esempio con il Gdpr e la data monetization. Tutto questo accompagnato da infrastrutture sempre più potenti: l’obiettivo è il quantum computing”, sottolinea Moreno Simonetta. “Sul fronte applicativo, non solo assisteremo al boom di autonomous things – che possiamo considerare l’evoluzione dell’IoT – ma anche all’evoluzione del rapporto uomo-tecnologie, con l’AI sempre più protagonista”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5