Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

Blockchain, Ibm a lavoro su una stable coin per le banche

Big Blue ha avviato le prime discussioni con due istituti di credito Usa per l’emissione di un token digitale ancorato ad una valuta consolidata, come ad esempio il dollaro statunitense o l’euro

19 Mar 2019

Antonio Dini

C’è una opportunità di fatturato per le banche. Lo pensa Ibm, che sta scommettendo pesantemente sulla tecnologia Blockchain e vuole convincere gli istituti di credito suoi clienti – o non ancora tali – a investirci. Altre due grandi banche americane, dopo JPMorgan, hanno deciso di studiare un piano di fattibilità per battere moneta digitale.
Secondo Jesse Lund, vice presidente di Ibm per le blockchain, come riportato da Bloomberg, la società di Armonk ha avviato le prime discussioni con due istituti di credito americani per l’emissione di uno stable-coin, un token digitale che è ancorato 1:1 ad una valuta consolidata, come ad esempio il dollaro statunitense o l’euro. JPMorgan, la più grande banca degli Stati Uniti, ha annunciato a febbraio che avrebbe emesso una moneta digitale legata al dollaro, denominata “JPM Coin”.

“Abbiamo ricevuto interesse sulla scia di JPM Coin”, ha detto Lund in un’intervista telefonica. Le altre due banche “ci hanno contattato dopo questo annuncio”. Ha rifiutato di nominare le banche. Le monete digitali possono consentire trasferimenti istantanei di fondi tra conti istituzionali, riducendo i tempi di liquidazione e rendendo più facile il trasferimento di denaro a livello internazionale. JPMorgan, che sposta ogni giorno più di $ 5 trilioni di pagamenti all’ingrosso, ha detto che la sua moneta utilizzerà la propria blockchain privata per accelerare i pagamenti tra i clienti aziendali.

IBM ha detto che sta lavorando anche con sei banche non statunitensi su valute digitali. Tra questi ci sono Busan Bank di BNK Financial Group in Corea del Sud, e nelle Filippine c’è Rizal Commercial Banking, che dovrebbe rilasciare uno stable-coin nel secondo trimestre, ha detto Lund. Le banche sono in attesa di approvazioni da parte delle autorità di regolamentazione locali. Le monete emesse dalle banche americane o internazionali possono essere basate sulla nuova rete Blockchain World Wire di Ibm, presentata lunedì negli Usa. Le valute digitali possono essere utilizzate per regolare le transazioni tra clienti di diverse banche. Prendendo in prestito le monete, le banche possono guadagnare interessi e addebitare commissioni di transazione, ha spiegato alla stampa Lund. Che ha aggiunto: «C’è una nuova opportunità di guadagno per le banche. E le banche stanno iniziando a rendersene conto».
Gli stable-coin sono diventati popolari nell’ultimo anno, poiché i cali selvaggi dei prezzi delle crittovalute hanno spinto i trader a cercare alternative più sicure. Ciò ha portato all’aumento della più forte moneta digitale stabilizzata, il Tether, nonché al lancio di una serie di altri stable-coin per gli utenti retail e aziendali.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3