Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL CASO

Bonus cultura, sul web il mercato nero dei buoni da 500 euro

Altro che libri, teatro e cinema: alcuni voucher per i 18enni finiscono nei gruppi Facebook a prezzi scontati. La denuncia di alcuni utenti: “Illegale, ingiusto e dannoso per tutti”

30 Dic 2016

An.F.

Perché spendere un buono per andare a teatro, al cinema o per leggere dei libri quando puoi rivenderti il bonus cultura da 500 euro su Internet? È purtroppo questa la domanda che si sono fatti alcuni ragazzi che hanno compiuto 18 anni nel corso del 2016, accedendo così al cosiddetto Bonus Renzi, attivo per 600mila neomaggiorenni e da utilizzare per libri, musei, concerti e spettacoli teatrali.

E la risposta, come racconta Repubblica, è la nascita di un mercato online in cui i giovani trovano degli escamotage per trasformare una buona parte dei buoni in moneta sonante. “A chi è interessato vendo buoni rimanenti del Bonus Renzi a metà prezzo, per l’acquisto di libri sui siti Mondadori, Feltrinelli, Libraccio e Amazon”, scrive Alex su un gruppo Facebook dedicato al commercio e allo scambio di testi usati. L’accordo, scrive Repubblica, si chiude nelle chat private. L’acquirente sceglie titoli, ricarica la Postepay del venditore e quando arriva l’accredito parte l’ordine.

Così, in pochi clic, i diciottenni svendono il Bonus cultura. L’allarme è stato lanciato da chi invece la lettura l’ama e pure tanto, al punto di incontrarsi nei gruppi social per scambiare consigli e proporre offerte. “Da qualche tempo compaiono annunci di ragazzini che si propongono, per acquistare libri col Bonus Renzi da rivendere a metà prezzo”, racconta Antonella Paparella, alla guida del coro di proteste contro una pratica “illegale, ingiusta e dannosa per la collettività”.

Stando alle testimonianze raccolte dal giornale, aggirare i controlli nei fatti sembra purtroppo un’impresa piuttosto semplice. “La misura è utile – commenta amaramente Antonella – ma forse prima di dare soldi a fondo perduto, toccherebbe educare i ragazzi alla lettura e al senso civico”.