Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

MOBILITA'

Boom di corse transfrontaliere per mytaxi, continua la crescita in Italia

Nei primi sei mesi del 2018 l’app registra +170% di “viaggi” all’estero: i passeggeri italiani hanno utilizzato il servizio principalmente a Barcellona, Dublino e Madrid. Nel nostro Paese +73% di corse e +47% di utenti

29 Ago 2018

F. Me

Boom di viaggi transfrontalieri per mytaxi. Nella prima metà del 2018, il fatturato generato dai viaggi al di fuori del Paese di origine del cliente è aumentato di circa il 170% rispetto all’anno precedente, un segnale molto importante che stimola ad estendere ulteriormente la presenza internazionale.
 
“mytaxi propone il suo servizio in nove mercati europei chiave e serve oltre 100 città. Nessun’altra app per taxi offre una copertura così completa in Europa – dice Andy Batty, Direttore Operativo di mytaxi –  I numeri mostrano chiaramente che i nostri clienti apprezzano l’internazionalità della app: prendere mytaxi per raggiungere l’aeroporto di partenza e utilizzare di nuovo la stessa app una volta arrivati a destinazione è assolutamente comodo e permette di usufruire del nostro servizio di alta qualità ovunque ci si trovi”.
 
Le mete mytaxi preferite dagli italiani, per la prima metà del 2018, sono state Barcellona, Dublino e Madrid, mentre i clienti stranieri che hanno più utilizzato il servizio in Italia arrivano da Inghilterra e Germania. Inoltre, nei primi sei mesi dell’anno, il servizio nel Bel Paese ha registrato una continua crescita, grazie anche al provvedimento dell’Antitrust che invita i principali radiotaxi di Milano e Roma ad eliminare le clausole di esclusiva contenute negli statuti. “Sono 660 i nuovi tassisti che nell’arco dei primi sei mesi del 2018 si sono uniti al nostro servizio in Italia, che oggi conta una flotta totale di 3.500 driver – commenta Barbara Covili, General Manager di mytaxi Italia – Solo nel primo semestre dell’anno, paragonando i dati di inizio gennaio con quelli di inizio luglio, abbiamo vissuto una forte crescita in Italia sia per quanto riguarda le corse portate a termine sia il numero di clienti, saliti rispettivamente del 73% e del 47%, per cui possiamo dirci assolutamente soddisfatti del lavoro fatto finora nel nostro Paese.”
 
In città come Roma, Stoccolma, Vienna, Lisbona e Barcellona, il 50% dei passeggeri è straniero: Ciò rappresenta un enorme vantaggio per i tassisti che collaborano con mytaxi perché sono tutti clienti e corse che, fino a qualche tempo fa, avrebbero perso per le difficoltà che hanno gli stranieri a contattare servizi telefonici di chiamata taxi”, continua Batty.
Proprio perché l’impronta internazionale sembra essere decisiva per la crescita di mytaxi, l’azienda sta puntando sull’espansione nei mercati in cui già opera: solo nel 2018, il servizio è stato lanciato in sette nuove città, ovvero Nottingham, Brighton, Manchester, Edimburgo, Katowice, Poznan e Porto ed altre location verranno lanciate nelle prossime settimane.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

M
mytaxi

Articolo 1 di 5