LA BATTAGLIA

Brevetti, Qualcomm risarcirà Blackberry con 815 milioni

La compagnia canadese vince l’arbitrato. In arrivo un maxi-assegno di risarcimento per le royalty eccessive chieste dal colosso dei chip fra il 2010 e il 2015

12 Apr 2017

An.F.

BlackBerry la spunta su Qualcomm nella disputa legale sulle royalty e incassa un assegno di oltre 815 milioni di dollari. La compagnia canadese ha infatti incassato la vittoria contro il colosso americano dei processori, nell’ambito di un arbitrato sul pagamento di alcune compensi relativi a dei brevetti.

La sentenza stabilisce che BlackBerry riceverà 814,9 milioni di dollari perché, tra il 2010 e il 2015, Qualcomm ha chiesto più denaro di quanto poteva fare per lo sfruttamento della sua proprietà intellettuale. A questa cifra si andranno ad aggiungere le spese legali e gli interessi: il numero preciso sarà stabilito il prossimo 30 maggio. Per lo stesso motivo anche Apple ha aperto una causa contro Qualcomm, che nel caso della disputa con BlackBerry non potrà nemmeno fare ricorso visto che l’arbitrato è inappellabile.

WHITEPAPER
Come è cambiato in Italia il quadro normativo dei pagamenti digitali verso la PA?

“BlackBerry e Qualcomm hanno un rapporto che dura da tempo e continueranno a essere partner tecnologici” – commenta John Chen, amministratore delegato del gruppo canadese, spiegando che la società “è felice che l’arbitrato si sia risolto in suo favore e punta a collaborare con Qualcomm sui temi della sicurezza”. Il gruppo canadese ha aperto le contrattazioni a Wall Street in volata, guadagnando oltre il 10%, mentre Qualcomm ha iniziato la seduta in calo dell’1,5%.