IL CASO

Cambridge Analytica, Facebook cancella migliaia di app sospette

Dopo lo scandalo il social aveva avviato, nel marzo 2018, un’indagine per individuare le applicazioni che non rispettavano le linee guida: “Stiamo facendo progressi, andiamo avanti con i controlli”

23 Set 2019

Antonio Dini

Non c’è ancora chiarezza, ma questa volta ci sono almeno dei riscontri oggettivi. Dopo lo scandalo Cambridge Analytica Facebook aveva avviato una indagine – era il marzo del 2018 – per capire quali app fossero in grado di ottenere in maniera scorretta il grafo dei collegamenti degli utenti, e neutralizzarle.

Ebbene, passato un anno e mezzo, è arrivata la resa dei conti: Facebook ha annunciato durante il fine settimana di aver individuato 400 sviluppatori che non rispettano le linee guida – ma non ha indicato se pongano una minaccia per gli utenti – e ha provveduto a bloccare le loro app, che sono alcune decine di migliaia.

WHITEPAPER
Trasformazione digitale: le tecnologie più rilevanti per supportare la crescita delle aziende
Digital Transformation

«Stiamo facendo dei progressi – ha scritto l’azienda – e anche se non siamo in grado di fermare tutto, e alcune cose di quelle che fermiamo riusciamo a fermale grazie all’aiuto di altri da fuori Facebook».

L’azienda ha pagato una multa record da 5 miliardi di dollari comminata dalla Federal Trade Commission americana (FTC) alcuni mesi fa per il comportamento nei confronti delle pratiche di gestione della privacy delle informazioni dei suoi utenti.
Le indagini della Ftc sono state avviate dalla violazione degli accordi stabiliti con l’ente Usa nel 2012 a causa della condivisione di informazioni effettuata in maniera inappropriata e riguardante 87 milioni di utenti. Una condivisione innescata dall’azienda di consulenza politica Cambridge Analytica.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

C
cambridge analytica
F
facebook

Approfondimenti

M
multe Gafa
S
social network