INNOVAZIONE

Caricabatterie unico, primo sì del Parlamento Ue alla direttiva

Con 43 voti a favore e 2 contrari, la commissione Mercato interno ha dato il via libera al testo di Bruxelles: “Garantiamo la sostenibilità dei prodotti e i diritti dei consumatori”. Voto in Plenaria a maggio

21 Apr 2022

F. Me

parlamento-europeo-130307164659

La commissione Mercato interno (Imco) del Parlamento Ue ha dato il via libera – con 43 voti a favore e due contrari – alla direttiva rivista sulle apparecchiature radio (“Usb universale”). “Gli eurodeputati sostengono un caricatore comune per i dispositivi elettronici portatili, riducendo i rifiuti elettronici e rendendo più conveniente l’uso di diversi telefoni cellulari, tablet e fotocamere digitali”, afferma la Imco con una nota.

“Le nuove regole – si legge – farebbero in modo che i consumatori non abbiano più bisogno di un nuovo caricabatterie e cavo ogni volta che acquistano un nuovo dispositivo, e possano usare un caricabatterie per tutti i loro gadget elettronici di piccole e medie dimensioni. Cellulari, tablet, fotocamere digitali, cuffie e auricolari, console per videogiochi portatili e altoparlanti portatili, ricaricabili tramite un cavo cablato, dovrebbero essere dotati di una porta Usb Type-C, indipendentemente dal produttore. Le esenzioni si applicherebbero solo per i dispositivi che sono troppo piccoli per avere una porta Usb Type-C, come gli orologi intelligenti, i tracker di salute e alcune attrezzature sportive”.

Questa revisione “è parte di un più ampio sforzo dell’Unione per affrontare la sostenibilità dei prodotti, in particolare dell’elettronica sul mercato Ue, e per ridurre i rifiuti elettronici”. I deputati vogliono anche vedere “informazioni chiare ed etichettatura sui nuovi dispositivi sulle opzioni di ricarica, così come se un prodotto include un caricabatterie”.

Con il crescente utilizzo della ricarica wireless, i parlamentari vogliono poi che la Commissione europea presenti una strategia entro la fine del 2026 “che permetta un minimo di interoperabilità di qualsiasi nuova soluzione di ricarica”. L’obiettivo è quello di “evitare una nuova frammentazione del mercato”. Una volta che il Parlamento nel suo insieme avrà approvato questo progetto di posizione negoziale nella sessione plenaria di maggio, i deputati saranno pronti ad avviare i triloghi con il Consiglio Ue sulla forma finale della legislazione. Il Consiglio ha adottato la sua posizione negoziale il 26 gennaio.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

P
parlamento europeo

Approfondimenti

C
caricabatterie unico

Articolo 1 di 4