Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

CartaSi: l’e-commerce spinge l’uso delle carte di credito

L’Osservatorio Acquisti CartaSi prevede una crescita per il 2014 e il 2015, grazie al balzo a due cifre del commercio elettronico. L’innovazione è chiave: sale la spesa in beni digitali, informatica, telecomunicazioni

15 Mag 2014

Patrizia Licata

Dopo un 2013 timido, dal 2014 partirtà il rilancio per gli acquisti con la carta di credito e un apporto determinante sarà dato dall’e-commerce. Lo conclude L’Osservatorio Acquisti CartaSi, che ha reso disponibile il nuovo rapporto previsionale delle dinamiche di spesa con carta di credito attese per il 2014 e il 2015.

Dopo un 2013 contraddistinto da comportamenti d’acquisto timidi (+0,8%, un dato in linea col 2012), nel corso del 2014, prevede CartaSi, si assisterà a una graduale uscita dalla crisi, con ritmi di crescita più decisi nel 2015: determinante, in tal senso, l’e-commerce che non rappresenta più solo un elemento collaterale alle vendite offline, ma che ne costituisce un’integrazione strutturale.

Alla fine di quest’anno, infatti, la spesa aumenterà complessivamente dell’1,7% proprio grazie al traino del commercio elettronico, che crescerà del 21% e senza il quale l’andamento sul 2013 sarebbe negativo (-1,6%); nel 2015, la crescita sarà del 3,2% grazie al +20,7% dell’e-commerce (senza il quale di nuovo si registrerebbe un risultato con segno meno, -0,6%).

“Il definitivo affermarsi dell’e-commerce, unito alle previsioni di crescita di settori come informatica e beni digitali, dimostra come l’innovazione sia l’elemento fondamentale dell’uscita dalla crisi”, sottolinea Francesco Pallavicino, Responsabile analisi di mercato e posizionamento di CartaSi. “Nel corso dei prossimi due anni, infatti, oltre allo sviluppo del canale online, aumenteranno le spese in beni legati all’innovazione, mentre tutti gli altri settori dipenderanno in gran parte dalla loro capacità di fare leva su di essa, direttamente o indirettamente”

“L’innovazione è l’elemento cardine per lo sviluppo anche del settore dei pagamenti elettronici”, commenta Laura Cioli, amministratore delegato di CartaSi. “Obiettivo Europa consiste nell’allinearsi ai principali Paesi europei in termini di utilizzo di strumenti di pagamento innovativi: è il traguardo che il sistema italiano dei pagamenti deve perseguire per ottenere benefici concreti sia economici (fino a dimezzare il costo del contante), sia di efficienza, trasparenza, semplicità, sicurezza. In altri termini, modernità”.

La crisi del 2013 ha enfatizzato il cambio di ruolo dell’e-commerce: la crescita del canale è stata del 20,4%, per una spesa complessiva di 11,6 miliardi di euro, pari al 14,8% dello speso complessivo con carta. Da sottolineare come la crescita dei volumi dell’e-commerce verso siti esteri sia stata doppia rispetto a quella verso siti italiani: +27,5% contro +13,2%. Ciò ha di fatto deviato verso l’estero quote crescenti di acquisto determinando, nei volumi complessivi di spesa (online e offline), un incremento degli acquisti verso l’estero del +9,9% e una flessione verso l’Italia (-0,7%).

Nel complesso, fra il 2014 e il 2015, cresceranno le spese in informatica e beni digitali (+6,1% nel 2014 e +7,7% nel 2015), in servizi consumer (+6% nel 2014 e +6,9% nel 2015), in viaggi e trasporti (+6,9% nel 2014 e +8% nel 2015), telecomunicazioni (+1,2% nel 2014 e +2,3 nel 2015) e dettaglio non alimentare (+6,1% nel 2014 e +7,7% nel 2015). Continuerà la contrazione delle spese in abbigliamento e calzature (-4,9% nel 2014 e -3,1% nel 2015) e beni per la casa (-5,7% nel 2014 e -3,9% nel 2015); resteranno più o meno stabili alberghi e ristoranti (-0,3% e -0,4%).

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
cartasì
F
Francesco Pallavicino
L
Laura Cioli

Articolo 1 di 2