Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Casalino: “Per fare la PA digitale c’è bisogno di smart procurement”

L’Ad di Consip: “Gli acquisti digitali creano nuove opportunità per le imprese e forniscono uno sbocco per beni e servizi innovativi”

21 Nov 2014

Domenico Casalino, Ad di Consip

l procurement pubblico rappresenta uno straordinario “strumento di politica industriale” (e soprattutto uno dei pochi rimasti). Ogni qualvolta si interviene sul mercato agendo contemporaneamente su domanda e offerta – come negli approvvigionamenti pubblici – si declina un’azione che arriva in profondità nel tessuto economico del Paese.

Il procurement è in grado, ad esempio, di modificare – attraverso il coordinamento e l’indirizzo della domanda – i comportamenti di acquisto delle amministrazioni, creando nuove opportunità per le imprese, anche per le piccole e medie imprese che rappresentano la spina dorsale dell’economia italiana e fornendo uno sbocco per beni e servizi innovativi. Nell’ambito della spesa digitale, il procurement fa rilevare oggi diverse problematiche sia dal “punto di vista della spesa” (es. scarso dialogo tra domanda e offerta; dinamiche peculiari su gare, tariffe, prezzi; distonia tra spesa Ict teorica ed effettiva), sia da quello delle “soluzioni” (es. infrastruttura ridondata e sottoutilizzata; frammentazione applicazioni; dispersione informazioni).

Da ciò emerge la necessità di ottimizzare le risorse (scarse) e le soluzioni (disperse). Come? Anche attraverso un “procurement intelligente” (“smart procurement”) – sviluppato attraverso buyer competenti – che può fornire benefici per entrambi i lati del mercato – domanda pubblica e offerta privata: garanzia di qualità delle forniture, riduzione dei tempi d’acquisto; monitoraggio della spesa; semplificazione e trasparenza delle procedure; riduzione oneri delle gare; crescita professionale del personale; risparmi di prezzo; attivazione di offerta, ricerca e innovazione.

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
consip
D
domenico casalino

Articolo 1 di 5