Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Cdp Reti, si allarga la platea degli investitori

Entrano nel capitale sociale 33 fondazioni bancarie a la Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza Forense. Sul piatto 313 milioni

12 Nov 2014

F.Me.

Si allarga la platea degli investitori di Cdp Reti. Cassa depositi e prestiti ha comunicato che un gruppo di investitori istituzionali italiani entrerà nel capitale sociale della società di proprietà di Cdp che detiene una partecipazione del 30,000% del capitale di Snam e del 29,851% del capitale di Terna.

Oggi sono stati conclusi contratti vincolanti per la cessione di quote di minoranza della società a trentatré Fondazioni di origine bancaria e alla Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza Forense per un ammontare complessivo di 313,5 milioni di euro, di cui 173,5 milioni di euro provenienti dalle Fondazioni (la lista completa è disponibile in fondo al testo) e 140 milioni di euro provenienti dalla Cassa Forense.

“La quota di Cdp Reti oggetto di cessione sarà determinata sulla base della media a tre mesi dei corsi di Borsa di Snam e Terna rilevata in prossimità del closing, e sarebbe ad oggi pari a circa il 5,88% del capitale sociale – spiega una nota – L’operazione fa seguito a quanto deliberato dal Consiglio di amministrazione di Cdp lo scorso 30 luglio relativamente alla vendita fino al 14% del capitale di Cdp Reti a favore di investitori istituzionali italiani, e si aggiunge all’accordo vincolante sottoscritto lo scorso mese di luglio da Cdp per la cessione del 35% di Cdp Reti a State Grid Europe Limited (Sgel), società del gruppo State Grid Corporation of China.

Il perfezionamento delle operazioni di cessione in favore degli investitori istituzionali italiani e di Sgel è previsto per la fine del mese di novembre 2014.

Cassa depositi e prestiti intende proseguire col processo di dismissione della restante quota di minoranza di Cdp Reti ad altri Investitori istituzionali italiani. La Cassa rimarrà proprietaria della quota di maggioranza della società.

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
Cdp reti
S
snam
T
terna

Articolo 1 di 5