Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INNOVAZIONE

Certificati online meno cari, il piano di Roma per la svolta 4.0

Una delibera della Giunta Capitolina sopprime il pagamento dei diritti di segreteria per i documenti richiesti via web. Si punta ad incentivare l’uso di servizi innovativi. La sindaca Raggi: “Garantiamo un’agevolazione economica ai cittadini e una semplificazione dei procedimenti amministrativi”. Ora la palla all’assemblea

04 Ott 2018

Certificati online meno cari.  Una delibera della Giunta Capitolina, allo scopo di incentivare l’utilizzo dei servizi digitali di Roma Capitale da parte dei cittadini, sopprime il pagamento dei diritti di segreteria. Il provvedimento, a breve sottoposto  all’approvazione dell’Assemblea capitolina, prevede l’esenzione dal pagamento rispettivamente di 0,26 euro e di 0,52 euro per coloro che richiedano online un certificato in carta semplice o uno in carta legale.

“Sono circa 500 mila i certificati emessi l’anno scorso agli sportelli e che invece è possibile ottenere online, evitando la coda agli sportelli e gli spostamenti in città – spiega la sindaca, Virginia Raggi – Il provvedimento approvato in Giunta, presto in Consiglio comunale, va proprio nella direzione di dare impulso all’utilizzo dei servizi online garantendo un’agevolazione economica ai cittadini ma anche una semplificazione dei procedimenti amministrativi. In questo caso l’abolizione dei diritti di segreteria rappresenta anche un risparmio per l’Amministrazione capitolina in termini di risorse umane e materiali”.

La rinuncia alla riscossione dei diritti di segreteria si riferisce esclusivamente alle certificazioni rilasciate in modalità digitale attraverso la piattaforma dei servizi online di Roma Capitale. Il versamento di tali diritti resta invece vigente per gli altri certificati richiesti ed erogati agli sportelli demografici capitolini. “Le tecnologie e il digitale sono strumenti per semplificare la vita delle persone e, al contempo, per rendere piu’ efficienti servizi e processi – puntualizza l’assessora alla Roma Semplice, Flavia Marzano –  E’ in quest’ottica che abbiamo ripensato mesi fa il nuovo portale istituzionale dando centralita’ al cittadino e valorizzando i servizi online affinche’ diventino di uso via via piu’ ricorrente e abituale”.

Dal 1° gennaio 2019 Spid sarà l’unico sistema di autenticazione per accedere ai servizi online sul portale di Roma Capitale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

F
flavia marzano
R
roma
S
spid
V
Virginia Raggi

Articolo 1 di 5