CheckBonus, Igor Toscani è il direttore commerciale - CorCom

CheckBonus, Igor Toscani è il direttore commerciale

31 Mag 2017

Igor ToscaniIgor Toscani è il nuovo direttore commerciale di CheckBonus, la startup che ha lanciato l’omonima App che permette di ottenere buoni spesa e gift card semplicemente entrando negli store fisici e interagendo con i brand all’interno dei supermercati. Si occuperà, spiega l’azienda in una nota, di realizzare una nuova proposta commerciale in linea con la crescita degli utenti e con l’ampliamento dei servizi che l’applicazione mette quotidianamente a servizio dei maggiori brand nazionali e internazionali.

Dopo una laurea con lode in ingegneria e una esperienza da ricercatore al Politecnico di Milano Igor Toscani, 40 anni, originario di Milano, ha iniziato a lavorare nel mondo della consulenza IT, esperienza interrotta per conseguire un master Mba alla Sda Bocconi in seguito alla quale ha intrapreso una carriera ormai decennale nel mondo del digital. Toscani approda a CheckBonus dopo aver ricoperto diversi ruoli all’interno di Premiaweb, editore digital italiano.

“Il percorso di Igor lo ha portato a implementare strategie commerciali per marketplace simili a CheckBonus – afferma Pierluigi Casolari, Ceo e Founder di CheckBonus – che fanno incontrare domanda e offerta in modo dinamico e secondo logiche digitali e a performance in modo ottimale e per questo costituisce la figura fondamentale per crescere ulteriormente sul mercato”.

WHITEPAPER
Come migliorare la redditività grazie alla digital transformation nel settore industriale
Digital Transformation
IoT

“Sono contento di essermi unito al team CheckBonus perché ritengo che attraverso l’applicazione si possa rispondere alle esigenze di molte importanti aziende, interessate a interagire con i loro clienti – afferma Toscani – Il mio compito principale sarà quello di realizzare una nuova proposta commerciale che parta dall’analisi dei valori che possiamo dare ai nostri clienti e che ci differenzi totalmente dalle altre soluzioni offerte al mondo dei brand e dei retailer in modo da poter crescere velocemente e in modo strutturato”.