Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Chimica e Difesa nel mirino degli hacker cinesi

Symantec: una cinquantina le aziende britanniche e statunitensi che hanno subito attacchi informatici fra luglio e settembre. Molte fanno capo alla lista Fortune 100

02 Nov 2011

Sarebbero almeno 48 le società del settore chimico e della difesa
negli Usa e in Uk vittime di attacchi informatici da parte di un
hacker cinese. L'attività di spinoaggio industriale è stata
condotta fra luglio e settembre. Sono 29 le aziende del settore
chimico finite nel mirino, tutte coinvolte nello sviluppo di
materiali speciali usati nella produzione di veicoli militari.

Lo rende noto un report di Symantec, fornitore di soluzioni per la
security aziendale, secondo cui centinaia di computer aziendali, un
numero compreso fra 100 e 500 pc, sarebbero stati infettati da un
malware denominato “Poisonlvy”, usato dagli hacker per
sottrarre informazioni top secret, fra cui contratti, formule e
processi di produzione.

Symantec non rende noti i nomi delle società sotto attacco, ma fa
sapere che molte fanno parte della lista del Fortune 100.