SOVRANITA' TECNOLOGICA

Chip, finanziamenti record per le aziende: i maxi piani di Stati Uniti e Corea del Sud

L’amministrazione Biden stanzia 6,6 miliardi di dollari per il colosso Tsmc e altrettanti dovrebbero riguardare Samsung. Obiettivo: aumentare la produzione a livello nazionale. Intanto il presidente Yoon Suk Yeol annuncia un fondo da 1 miliardo di dollari per le aziende che producono semiconduttori in grado di sostenere la sfida dell’intelligenza artificiale. In Italia riflettori sulla microelettronica. Urso: “Due nuovi progetti internazionali prima dell’estate”

Pubblicato il 09 Apr 2024

chip2

Il Dipartimento del Commercio degli Stati uniti e Tsmc Arizona Corporation (Tsmc Arizona), la filiale Usa di Tsmc, hanno firmato un memorandum preliminare non vincolante per fornire “fino a 6,6 miliardi di dollari in finanziamenti diretti nell’ambito del Chips and Science Act”. La sovvenzione andrebbe a sostegno dell’investimento di Tsmc di oltre 65 miliardi di dollari in tre fabbriche greenfield all’avanguardia a Phoenix, Arizona, che produrranno i semiconduttori più avanzati al mondo.

L’obiettivo è quello di compiere “un passo significativo nel rafforzare la sicurezza economica e nazionale degli Stati Uniti fornendo un’affidabile fornitura domestica di chip che sosterranno l’economia futura”, alimentando il boom dell’intelligenza artificiale e di altri verticali tecnologici in rapida crescita.

“I semiconduttori alimentano tutto, dagli smartphone alle auto ai satelliti e ai sistemi d’arma. L’America ha inventato questi chip, ma nel tempo, siamo passati dal produrre da quasi il 40% della capacità mondiale a una cifra vicina al 10%, e nessuno dei chip più avanzati, esponendoci a significative vulnerabilità economiche e di sicurezza nazionale. Ero determinato a invertire questa tendenza e grazie al mio Chips and Science Act – una parte chiave della mia agenda Investing in America – la produzione di semiconduttori e i posti di lavoro stanno facendo un ritorno”, ha commentato il presidente Usa Joe Biden, che ha aggiunto: “Il rinnovato impegno di Tsmc negli Stati Uniti e il suo investimento in Arizona rappresentano una storia più ampia per la produzione di semiconduttori made in America e con il forte sostegno delle principali aziende tecnologiche americane per costruire i prodotti su cui contiamo ogni giorno”.

Anche la segretaria al Commercio Gina Raimondo ha espresso forte soddisfazione: ‘Uno degli obiettivi chiave del Chips and Science Act del presidente Biden era portare la produzione di chip più avanzata al mondo negli Stati Uniti e con questo annuncio e l’aumento degli investimenti di Tsmc nel loro campus in Arizona, stiamo lavorando per raggiungere quell’obiettivo”.

L’evoluzione dei piani in Arizona

Dopo aver inizialmente annunciato due fabbriche negli Stati Uniti, Tsmc Arizona si impegna dunque a costruire una terza struttura aggiuntiva entro la fine del decennio. Con questo finanziamento, la compagnia taiwanese garantirà la formazione di un cluster all’avanguardia in Arizona, creando circa 6mila posti di lavoro diretti nel settore manifatturiero, più di 20mila posti di lavoro unici accumulati nella costruzione e decine di migliaia di posti di lavoro indiretti in questo decennio e portando la tecnologia di processo più avanzata negli Stati uniti.

A piena capacità, le tre fabbriche produrranno decine di milioni di chip all’avanguardia che alimenteranno prodotti come smartphone 5G/6G, veicoli autonomi e server per datacenter AI. Tsmc Arizona prevede di iniziare la produzione ad alto volume nella loro prima fabbrica negli Stati Uniti nella prima metà del 2025. Gli Stati uniti puntano a produrre circa il 20% dei chip all’avanguardia mondiali entro il 2030.

L’investimento di Tsmc in Arizona rappresenta il più grande investimento diretto estero in un progetto greenfield nella storia degli Stati Uniti. Sta inoltre catalizzando investimenti significativi lungo tutta la catena di approvvigionamento, inclusi da 14 fornitori che prevedono di costruire o espandere impianti in Arizona o in altre parti del Paese, rafforzando ulteriormente la resilienza della catena di approvvigionamento domestica.

I chip avanzati di Tsmc sono la spina dorsale delle unità di elaborazione centrale per i server nei datacenter su larga scala e delle unità di elaborazione grafica specializzate utilizzate per l’apprendimento automatico. Attraverso il finanziamento proposto per Tsmc Arizona, gli Stati Uniti internalizzerebbero le capacità di produzione hardware critiche che sottostanno agli algoritmi di apprendimento profondo del linguaggio dell’AI e alle tecniche di inferenza. Ciò aiuterebbe a rafforzare il vantaggio competitivo dell’America nei settori tech. Inoltre, attraverso le sue fabbriche in Arizona, Tsmc sarà in grado di supportare meglio i suoi clienti chiave, incluse le aziende statunitensi Amd, Apple, Nvidia e Qualcomm, tra gli altri, rispondendo alla loro domanda di capacità all’avanguardia, mitigando le preoccupazioni della catena di approvvigionamento e permettendo loro di competere efficacemente nell’era della trasformazione digitale in corso.

Secondo Mark Liu, il presidente di Tsmc, il nuovo finanziamento offre alla compagnia taiwanese di fare un investimento senza precedenti e di offrire servizi di fonderia in loco per servire meglio “i nostri clienti statunitensi, che includono alcune delle principali aziende tecnologiche mondiali. Le nostre operazioni negli Stati Uniti espanderanno anche la nostra capacità di aprire la strada a futuri avanzamenti nella tecnologia dei semiconduttori” Questi chip saranno cruciali per “scatenare le innovazioni, aumentando le capacità tecnologiche all’avanguardia”, ha aggiunto C.C. Wei, l’amministratore delegato di Tsmc.

E Samsung si espande in Texas

Ma non finisce qui: la prossima settimana l’amministrazione Biden annuncerà l’assegnazione di oltre 6 miliardi di dollari alla sudcoreana Samsung per espandere la sua produzione di chip a Taylor, in Texas.

La sovvenzione, che sarà presentata sempre dalla segretaria del Dipartimento del Commercio Gina Raimondo, sarà destinata alla costruzione di quattro strutture, tra cui un impianto di produzione di chip da 17 miliardi di dollari che Samsung ha annunciato nel 2021, un’altra fabbrica, un impianto di imballaggio avanzato e un centro di ricerca e sviluppo. Secondo le fonti riportate da Reuters, Samsung raddoppierà i suoi investimenti negli Stati Uniti, portandoli a oltre 44 miliardi di dollari. Una delle fonti ha aggiunto che si tratterebbe del terzo investimento più grande del programma di sovvenzioni, subito dopo quello di Tsmc.

Gli investimenti in Sud Corea

Anche in Sud Corea il governo crede fortemente nello sviluppo dei microprocessori e dell’AI: il presidente Yoon Suk Yeol ha dichiarato che l’esecutivo è pronto a investire 9,4 trilioni di won (6,94 miliardi di dollari) nell’intelligenza artificiale entro il 2027, nell’ambito degli sforzi per mantenere una posizione di leadership globale nei chip semiconduttori all’avanguardia.

L’annuncio, che comprende anche un fondo separato di 1.400 miliardi di won per promuovere le imprese di semiconduttori AI, giunge mentre la Corea del Sud cerca di stare al passo con Paesi come Stati Uniti, Cina e Giappone, che stanno fornendo un massiccio sostegno politico per rafforzare le catene di fornitura di semiconduttori sul proprio territorio.

I semiconduttori sono una base fondamentale per l’economia sudcoreana basata sulle esportazioni. A marzo, le esportazioni di chip hanno raggiunto il massimo degli ultimi 21 mesi, con 11,7 miliardi di dollari, pari a quasi un quinto delle esportazioni totali della quarta economia asiatica.

“L’attuale competizione nel settore dei semiconduttori è una guerra industriale e una guerra totale tra nazioni”, ha detto Yoon a un incontro tra politici e dirigenti dell’industria dei chip. Con lo stanziamento di investimenti e di un fondo, la Corea del Sud intende espandere in modo significativo la ricerca e lo sviluppo di chip per l’intelligenza artificiale, come le unità di elaborazione neurale artificiale e i chip di memoria ad alta larghezza di banda di prossima generazione, ha dichiarato il governo in un comunicato.

Le autorità sudcoreane promuoveranno anche lo sviluppo di tecnologie di intelligenza artificiale generale e di sicurezza di nuova generazione che vadano oltre i modelli esistenti. Yoon ha fissato l’obiettivo per la Corea del Sud di diventare uno dei primi tre Paesi nella tecnologia AI, compresi i chip, e di conquistare una quota pari o superiore al 10% del mercato globale dei semiconduttori di sistema entro il 2030. “Come negli ultimi 30 anni abbiamo dominato il mondo con i chip di memoria, nei prossimi 30 anni scriveremo un nuovo mito dei semiconduttori con i chip AI”, ha detto Yoon.

Via a due progetti internazionali con sede in Italia

E qualcosa si muove anche nel nostro Paese. “Prima della pausa estiva verranno annunciati due importanti progetti internazionali nel campo della microelettronica che avranno sede in Italia”. Lo ha anticipato il ministro delle Imprese e del made in Italy, Adolfo Urso, intervenendo in video-conferenza a “Selecting Italy“, l’evento di scena a Trieste organizzato dalla Conferenza delle Regioni e dedicato alle iniziative di attrazione degli investimenti esteri in Italia. Urso ha spiegato che dopo quello della startup di Singapore Silicon Box, che si insedierà in Italia con oltre 3 miliardi di investimenti iniziali e previsioni di assunzioni per 1.600 ingegneri, i nuovi progetti rappresentano segnali importanti di attrattività del Paese. “L’Italia”, ha ribadito il ministro, “si appresta a diventare una sede importante per gli investimenti nel settore della microelettronica”.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 4