LA NUOVA LEGGE

Chip, la riforma Usa nel mirino dell’industria: “Avvantaggia Intel”

L’attuale forma del Fabs Act prevede crediti di imposta sulla produzione, ma non sulla progettazione: scontente le aziende che non producono internamente, convinte che tutti i sussidi andrebbero a chi ha stabilimenti propri. Chiesta la riformulazione delle norme

18 Lug 2022

Veronica Balocco

Chip

Diverse aziende americane di semiconduttori stanno valutando se opporsi a un pacchetto di sussidi per l’industria dei chip se la forma finale della legislazione in attesa di un voto al Senato “avvantaggerà in modo sproporzionato produttori come Intel Corp”. Il voto su alcuni serie di progetti di legge, snelliti da un più ampio corpus legislativo dopo l’intervento di alcuni legislatori democratici, potrebbe arrivare già domani.

I progetti di legge mirano a rendere gli Stati Uniti più competitivi contro una Cina in crescita, la cui industria dei chip è cresciuta rapidamente negli ultimi cinque anni fino a rappresentare quasi il 10% delle vendite globali. Le misure, in particolare, includono 52 miliardi di dollari in sussidi e un credito d’imposta sugli investimenti per aumentare la produzione statunitense. I progetti di legge hanno un sostegno bipartisan, tuttavia i repubblicani potrebbero esprimersi contro, a meno che i democratici non rinuncino ai piani per cercare di far passare alcune fatture di spesa cui gli avversari si oppongono.

Spaccatura all’interno dell’industria

Ma sta emergendo una spaccatura all’interno dell’industria dei chip stessa, con alcuni soggetti preoccupati che la forma finale della legge possa fornire un supporto sproporzionato a produttori come Intel, mentre fa poco per supportare altri produttori di chip come Advanced Micro Devices, Qualcomm e Nvidia.

INFOGRAFICA
Manufacturing verso l’Industry 5.0: sfrutta i vantaggi della monetizzazione dei dati!
Big Data
Digital Transformation

Intel, insieme a aziende come Texas Instruments e Micron Technology, progetta e produce i propri chip. A tal proposito la società, all’inizio di quest’anno, ha dichiarato che avrebbe speso 20 miliardi di dollari per una fabbrica in Ohio dopo aver aperto due nuovi impianti in Arizona lo scorso anno. Sarebbero questi produttori a beneficiare, secondo le tesi in questione, dei 52 miliardi di dollari di sussidi del Chips Act per costruire fabbriche, oltre che di un credito d’imposta sugli investimenti per acquistare strumenti da utilizzare all’interno delle loro fabbriche da un’altra misura chiamata Fabs Act.

Chiesto un credito d’imposta sulla progettazione

Amd, Qualcomm e Nvidia progettano invece i propri chip ma si affidano ai partner per fabbricarli e non vedrebbero alcun beneficio diretto dai sussidi per costruire impianti o dal supporto fiscale per gli strumenti. Questi soggetti supportano una versione separata del Fabs Act introdotto nella Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, che contiene sia il credito d’imposta sulla produzione sia un altro credito d’imposta per le attività di progettazione di chip. Da questi potrebbero trarre vantaggio diretto. Questa versione del Fabs Act – che è più gradita a una più ampia fascia di attori del settore dei chip – è anche quella che la Semiconductor industry association, che rappresenta le società di chip statunitensi, ha invitato i legislatori ad approvare. “Siamo incoraggiati dal fatto che la legislazione stia procedendo e continuiamo a sostenere l’emanazione di $ 52 miliardi di investimenti nel Chips Act e un credito d’imposta sugli investimenti Fabs Act sia per la produzione che per il design”, ha affermato l’associazione in una dichiarazione venerdì.

L’attuale legislazione del Senato non contiene alcun credito d’imposta sulla progettazione. Ciò ha spinto alcune società di chip statunitensi, che hanno chiesto di non essere nominate per paura del contraccolpo dell’industria e del governo, ad annunciare di voler lottare contro questo disegno di legge, se la sua forma finale non  prevederà la clausola.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3