LA TRIMESTRALE

Cisco crolla in Borsa: conti e outlook al ribasso

La guerra in Ucraina e i nuovi lockdown in Cina stanno impattando e non poco. Forte rallentamento della crescita dei ricavi e la società stima entrate col segno meno nei mesi a venire al confronto con i risultati di un anno fa

20 Mag 2022

Veronica Balocco

borsa-150812171348

Il titolo di Cisco Systems perde il 14,3%, scende ai minimi dell’ultimo anno ed è il peggiore sullo S&P 500. La multinazionale dell’alta tecnologia ha generato ricavi più bassi delle attese nel primo trimestre del 2022 e prevede per l’attuale un inaspettato calo delle vendite. Per Cisco, si stanno facendo sentire l’impatto della guerra in Ucraina e i lockdown in Cina per il Covid-19. Nei tre mesi a marzo, ha registrato un utile adjusted di 87 centesimi, contro gli 86 attesi, su ricavi di 12,84 miliardi, contro i 13,34 miliardi previsti dagli analisti. I ricavi sono in linea con i risultati di un anno prima, mentre nel trimestre precedente erano cresciuti del 6%.

Per l’attuale trimestre, il quarto del suo anno fiscale, Cisco prevede un utile adjusted di 76-84 centesimi e un calo dei ricavi rispetto a un anno prima dell’1-5,5%. Gli analisti attendevano previsioni per un utile adjusted di 92 centesimi su ricavi di 13,87 miliardi, pari a un +6%. Il titolo di Cisco, dall’inizio dell’anno alla chiusura di ieri, ha perso il 23% (lo S&P 500 ha ceduto circa il 18%).

“Fiducia sul lungo termine”

“Abbiamo continuato a vedere una solida domanda per le nostre tecnologie e la nostra trasformazione aziendale sta procedendo bene”, afferma Chuck Robbins, presidente e Ceo di Cisco. “Sebbene i blocchi di Covid in Cina e la guerra in Ucraina abbiano avuto un impatto sulle nostre entrate nel trimestre, i driver fondamentali della nostra attività sono forti e rimaniamo fiduciosi a lungo termine”.

WHITEPAPER
Il tempo della digitalizzazione è adesso! Non rimanere indietro, scopri come fare
Dematerializzazione
Digital Transformation

“Abbiamo realizzato utili sani nonostante interruzioni impreviste grazie a prezzi elevati e una gestione disciplinata della spesa”, aggiunge Scott Herren, Cfo di Cisco. “Il nostro portafoglio prodotti supera di gran lunga i 15 miliardi di dollari e l’Arr e l’Rpo dei prodotti sono nuovamente cresciuti a due cifre. I continui progressi nella trasformazione del nostro modello di business riflettono il successo della nostra strategia e sono alla base della nostra fiducia a lungo termine“.

Carenza di componenti ancora per qualche tempo

Herren ha comunque anche avvertito che la carenza di componenti persisterà nei prossimi trimestri, mentre Robbins ha puntualizzato che non è chiaro quando l’offerta tornerà alla normalità, anche se i funzionari di Shanghai hanno indicato che intendono aprire il 1° giugno. Robbins prevede che ci sarà una grave congestione nei porti di Shanghai dopo la loro riapertura, con le aziende che correranno per accaparrarsi capacità di trasporto, ma ha affermato di ritenere che alcuni di questi problemi inizieranno a diminuire entro il primo o il secondo trimestre fiscale della società.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4