Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Cisco, utili in calo. Ma l’azienda vede rosa per il trimestre in corso

Il primo quarter dell’anno fiscale 2012 chiude con utili a -7,9% nonostante il fatturato sia cresciuto del 4,7%. I risultati sono in linea con le previsioni e il titolo guadagna punti. Chambers: “Stiamo andando nella direzione giusta”

10 Nov 2011

Cisco Systems ha chiuso il primo trimestre dell’anno fiscale
2012, chiuso a ottobre, con utili a 1,78 miliardi di dollari, in
calo del 7,9% rispetto a 1,93 miliardi dello stesso periodo del
2010. I risultati sono comunque in linea con le previsioni. Il
produttore di infrastrutture di rete ha rivisto al rialzo le
previsioni per il trimestre in corso.

I ricavi sono cresciuti del 4,7% a 11,26 miliardi di dollari,
superiori alle attese.

L’azienda di San José quest’anno è stata costretta a
ristrutturare il business, focalizzando le aree core di prodotto,
in particolare routing e switching per la trasmissione dati.

Il Ceo John Chambers ha detto che I risultati mostrano gli sforzi
aziendali verso la semplificazione del business, che sta
beneficiando da tutti I nuovi trend dell’hitech, dal cloud
computing alla crescita del settore dei device mobile.

“La nostra strategia e visione a tre anni sta andando nella
direzione giusta”, ha detto Chambers.

Il mercato ha premiato la performance di Cisco, con il titolo che
ha guadagnato il 3,9% dopo l’annuncio della trimestrale.

Chambers ha aggiunto che diversi clienti hanno in programma di
spendere di più nel primo semestre del 2012, anche se la spesa
complessiva resta sotto tono.

“La maggior parte dei Ceo stanno per fare quello che stiamo
faremo noi, vale a dire cominciare l’anno con un budget prudente
e vedere come la situazione si evolve durante l’anno in termini
di fatturato”, dice.

Il mercato dei componenti di networking resta sempre duro.
“Stiamo assistendo ad offerte molto aggressive, ci sono aziende
che offrono le reti gratis”, dice.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link