L'INTERVENTO

Cloud e cybersecurity, Colao: “Italia non è far west, basta con le ideologie”

Il ministro per la Transizione digitale fa il punto sulle cose fatte e respinge critiche e accuse: “Visione coerente in coordinamento con i partner europei. Auspico che il Paese continui a perseguire il piano di sviluppo”

22 Ago 2022

Mila Fiordalisi

Direttore

vittorio-colao-120228131517

Come governo abbiamo affrontato i rischi digitali con una visione coerente, in coordinamento con i partner europei. Possiamo oggi rassicurare gli italiani che l’Italia digitale non sarà un far west senza regole, in cui i loro dati possono essere rubati o sfruttati impunemente o una tecnocrazia digitale oppressiva ma neanche una società retrograda e controllata, timorosa innanzi alle tecnologie e applicazioni digitali, indietro nel migliorare vita dei cittadini e sviluppo economico”. In un intervento sul quotidiano la Repubblica il ministro per la Transizione digitale Vittorio Colao fa il punto sulle cose fatte in particolare in materia di cybesecurity e cloud nell’ambito del Pnrr respingendo ai mittenti le critiche che non sono mancate nel corso del cammino. “poiché la spinta tecnologica genera sempre qualche confusione e paura provo a fare chiarezza su come il governo ha impostato le politiche italiane sulla sicurezza digitale e la nostra posizione in Europa”, scrive il ministro.

Cloud e data protection

In Italia “possediamo troppi depositi di dati, piccoli non economici e poco sicuri. Abbiamo così stanziato fondi per la migrazione al cloud, intrinsicamente più sicuro, e abbiamo introdotto la classificazione di dati e dei cloud service provider per innalzare gli standard, affidando le regole di sicurezza a una nuova Agenzia cyber nazionale”.

WHITEPAPER
La guida per scegliere il miglior antivirus gratuito per il tuo PC
Personal Computing
Cybersecurity

Riguardo ai timori sul Cloud Act americano il ministro puntualizza che “abbiamo previsto regole per i fornitori di servizi cloud extra Ue con sovranità specifiche per la cifratura e i dati più sensibili. Sta oggi nascendo il Polo strategico nazionale che offrirà soluzioni avanzate (incluse quelle di Google, Amazon e Microsoft) ma con le salvaguardie di sovranità che vogliamo”. E su questo punto il ministro chiarisce che questa strategia “non sta bene a chi per ideologia vuole tutto commerciale ma anche a chi chiede tutto statale mentre imprese e PA vogliono sia sicurezza e sovranità sia le migliori tecnologie mondiali”.

Algoritmi e intelligenza artificiale

Il Governo Draghi “ha tenuto in Europa una linea di rigore sui principi dell’AI Act ma di pragmatismo nelle imposizioni: se vogliamo un settore tech all’altezza di Usa e Cina occorrono tutele che però non scoraggino la sperimentazione in Europa”. E Colao sottolinea che ciò “non piace a chi vorrebbe esercitare controlli soffocanti e poteri di blocco locali invece di stabilire regole efficaci a livello europeo, basate su una moderna azione di garanzia del progresso tecnologico”.

Concorrenza e innovazione

Chi diventa molto grande nel digitale può dominare, espandersi e comprare innovatori e concorrenti”, su questo fronte Colao ricorda il contributo italiano al Data Act e il sostegno al Digital Mart Act nonché il rafforzamento della protezione dei “piccoli” nel decreto Concorrenza. “A chi non piace questo? Alle grandi tech mondiali e a chi non ama la concorrenza e vuole preservare posizioni di rendita”.  Focus anche sul Digital Services Act a tutela della legalità online. E sostegno anche ai media con i provvedimenti sul copyright.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

V
vittorio colao

Approfondimenti

C
Cloud
C
cybersecurity
P
Pnrr

Articolo 1 di 2