Cloud, Retelit si compra Welol Next: sul piatto 2,9 milioni - CorCom

L'OPERAZIONE

Cloud, Retelit si compra Welol Next: sul piatto 2,9 milioni

Con sede a Torino, il provider Ict è focalizzato sullo sviluppo di soluzioni software basate sulla tecnologia Microsoft per il miglioramento dei processi gestionali. Focus su Azure e Modern Workplace. Protto: “Rafforziamo il nostro ruolo di abilitatore dell’innovazione”

27 Lug 2021

F. Me

Retelit compra, tramite la sua controllata Retelit Digital Services, Welol Next. Il provider Ict è focalizzato sullo sviluppo di soluzioni software basate su tecnologia Microsoft, volte a migliorare e semplificare i processi gestionali.

Con sede a Torino e con la software factory basata a Cagliari, Welol è Microsoft Gold Partner ed è in grado di affiancare le aziende nella progettazione e gestione di architetture Cloud su Azure e Modern Workplace, coprendo l’intera gamma delle soluzioni tecnologiche nell’ambito di Microsoft 365, svolgendo, inoltre, consulenza sull’installazione di servizi Office e su piattaforma Sharepoint.

“È una grande soddisfazione annunciare l’acquisizione di Welol che porta competenze innovative e potenzia la nostra offerta, continuando ad allargare il nostro perimetro in ottica di creazione di una piattaforma per servizi integrati – commenta l’Ad di Retelit, Federico Protto – Attraverso questa nuova operazione prosegue la crescita del Gruppo Retelit che ha visto due tappe importanti, oltre un anno fa, con le acquisizioni di PA Group e di Brennercom. Grazie a Welol, Retelit consolida il suo ruolo di abilitatore all’innovazione a sostegno di tutti gli aspetti della trasformazione digitale delle aziende, con un focus sullo sviluppo di competenze negli ambiti Modern Workplace e Cloud Azure, che integrano e complementano quelle già molto forti su Dynamics. Sono felice di dare a tutte le persone di Welol il mio benvenuto in Retelit”.

Indice degli argomenti

L’operazione

Retelit acquista la totalità delle partecipazioni detenute dai due attuali azionisti e fondatori Alberto Jacomuzzi e Sandro Rosso, che continueranno a gestire l’azienda, per un corrispettivo di 2,9 milioni corrispondente all’Enterprise Value di Welol, suscettibile di variazioni a seconda dei risultati che verranno conseguiti negli esercizi 2021 e 2022. Il prezzo è interamente finanziato da risorse proprie e verrà pagato in tre differenti tranche, 1 milione alla data odierna e il rimanente 1,9 milioni all’approvazione dei bilanci degli esercizi suindicati, di cui un importo fino a 0,6 milioni potrà essere corrisposto, a esclusiva discrezione di Retelit Digital Services, in azioni di Retelit.

WHITEPAPER
Cloud migration: una guida per un passaggio di successo
Cloud
Cloud storage

Con l’acquisizione di Welol si arricchisce l’offerta del Gruppo Retelit, in grado di fornire ai propri clienti soluzioni che coprono l’intero stack tecnologico di Microsoft e diventando così Preferred Partner in Italia di Microsoft stesso.

I numeri di Welol

Welol ha chiuso il 2020 con un’importante crescita rispetto agli esercizi precedenti con ricavi pari a 2,8 milioni, un Ebitda di 0,3 milioni e una Posizione Finanziaria Netta positiva per 0,3 milioni; la società ha sede a Torino mentre la software factory è ubicata a Cagliari e impiega oltre 40 dipendenti tra sviluppatori e Cloud Specialist.

“Welol entra a far parte del Gruppo Retelit con lo scopo di contribuire alla creazione di un player unico nel panorama italiano in grado di offrire, oltre allo sviluppo di soluzioni basate sull’intera offerta Microsoft e sul cloud Azure, anche le infrastrutture di cui il Paese ha estremo bisogno- dicono i fondatori di Welol, Alberto Jacomuzzi e Sandro Rosso – Abbiamo incontrato, sin dal primo giorno, terreno fertile per il confronto e la condivisione, un luogo dove le idee possono produrre risultati eccezionali ed accelerare qualsiasi processo di trasformazione. Da oggi abbiamo finalmente le energie necessarie per moltiplicare la nostra presenza sul mercato, sorretti e spronati da un grande Gruppo come Retelit, il quale ha ben chiaro il percorso da fare nei prossimi anni”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3