CYBERSECURITY

Amazon “blinda” su cloud i dati ucraini, migrati 10 petabyte

Trasferiti dai server fisici alla “nuvola” di Aws i database critici del Paese. Spostate le informazioni digitali di 27 ministeri e di decine di aziende

23 Ago 2022

L. O.

ucraina5

Passa anche dal digitale la difesa dell’Ucraina. In particolare dai server cloud di Amazon. E’ questa la strada intrapresa dal Paese che sta trasferendo su Amazon Web Services gran parte dei propri dati critici. Già migrati 10 petabytes (10 milioni di gigabyte) di dati essenziali da 27 ministeri, 18 università, da K-12 (la più grande scuola di apprendimento a distanza) e da decine di aziende del settore privato. In prima fila PrivatBank – serve oltre il 40% della popolazione – che è riuscita a migrare 270 applicazioni e 4 petabyte di dati dei clienti, residenti su 3.500 server con sede in Ucraina, ai cloud di Amazon Web Services in meno di 45 giorni.

Il “turbo” di Aws Snowball

Grazie alla precedente esperienza di Aws nella gestione dei casi di catastrofe e alle attività svolte per aiutare le organizzazioni ucraine a costruire le proprie difese di cybersecurity nel periodo precedente al conflitto, gli esperti Aws hanno stabilito comunicazioni sicure con i funzionari dei ministeri governativi di Kiev e con i rappresentanti ucraini in tutta Europa, introducendo in Ucraina i dispositivi Aws Snowball, hardware di elaborazione e archiviazione rinforzata dei dati nel cloud: si tratta di una soluzione di trasferimento dati che velocizza lo spostamento di terabyte o petabyte di dati da e verso Aws mediante appliance di storage progettate per la sicurezza del trasporto fisico.

WEBINAR
12 Ottobre 2022 - 11:00
5 best practice per un cloud journey di successo!
Cloud
Datacenter

“Prima della guerra – fa sapere l’azienda Usa – la legge ucraina stabiliva che alcuni dati governativi e del settore privato fossero archiviati su server presenti fisicamente nel Paese”. Ma poco prima del conflitto il parlamento ucraino ha modificato tale legge permettendo il trasferimento di questi dati nel cloud “e Amazon Web Services – si legge ancora – è stata tra le prime organizzazioni a rispondere”.

I dati del Paese messi in sicurezza

“Nel rispondere alle nostre esigenze immediate, non abbiamo mai perso di vista il futuro, di costruire una Ucraina migliore, rafforzata da nuove tecnologie cloud all’avanguardia” ha detto Vadym Prystaiko, Ambasciatore dell’Ucraina nel Regno Unito.

“Pur preservando i dati ucraini – fa sapere Amazon – un driver importante di questo enorme sforzo, forse più importante, è come questi dati vengono utilizzati per aiutare il popolo ucraino. Ad esempio, la migrazione di informazioni sui titoli di studio e sui curricula universitari dal Ministero dell’Istruzione e delle Scienze aiuta migliaia di studenti a dimostrare la validità della loro istruzione quando si candidano per un lavoro o perseguono un’altra laurea. Lo sforzo aiuta anche gli studenti a continuare con i loro esami finali alla fine dell’anno scolastico, sia che si trovino in Polonia, Moldavia o Ucraina”.

Dalla ricerca al catasto

La digitalizzazione del catasto ucraino assicura la continuità dello Stato. Aws ha aiutato lo State Land Cadastre a creare un sistema automatizzato che consente ai cittadini di accedere in remoto alle informazioni come l’area di proprietà, la posizione e il profilo. La conservazione di questi dati è vitale sia per coloro che hanno investito i loro risparmi di una vita nella proprietà che per la futura ricostruzione dell’Ucraina. Questo lavoro aiuterà con la ricostruzione di quartieri e intere città in quanto fornisce un record sicuro di chi possiede cosa e dove.

Le aziende private hanno riscontrato vantaggi simili. Durante la guerra, la più grande banca privata ucraina, PrivatBank, che serve il 40% della popolazione ucraina, ha trasferito tutte le sue operazioni nel cloud. Secondo il responsabile IT di PrivatBank, Mariusz Kaczmarek, il motivo della migrazione era “limitare la nostra dipendenza dall’hardware situato in diverse regioni dell’Ucraina e distrutto durante la guerra”. Ma quando la guerra sarà finita, Kaczmarek non vede motivi per tornare indietro. “Intendiamo continuare a operare in questa modalità anche in futuro”, ha dichiarato.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

A
aws

Approfondimenti

B
big data
U
Ucraina

Articolo 1 di 3