LE STIME

Boom della spesa cloud: nel 2020 volerà sopra i 100 miliardi di dollari

I dati di Synergy Research Group: Amazon resta la numero uno per market share, incalzata da Microsoft. Corrono Google e Alibaba. Ibm, Salesforce e Oracle forti player di “nicchia”

11 Feb 2020

Patrizia Licata

giornalista

Vola la spesa sui servizi di cloud infrastructure: nel quarto trimestre 2019 i fornitori IaaS e PaaS hanno complessivamente aumentato i ricavi di 2,8 miliardi di dollari rispetto al terzo trimestre, l’incremento trimestrale più alto di sempre per questo mercato, pari a un tasso di crescita del 37% anno su anno. Lo affermano i nuovi dati rilasciati dalla società di ricerche Synergy Research Group specializzata su It e cloud.

Synergy stima che le revenue dei servizi di infrastruttura cloud (IaaS, PaaS e servizi hosted di private cloud) hanno superato i 27 miliardi di dollari nel quarto trimestre 2019 e le revenue del full year 2019 hanno raggiunto i 96 miliardi. Il grosso del mercato è rappresentato da servizi public IaaS e PaaS, che nel quarto trimestre sono cresciuti del 38%. I tassi di crescita sono robusti in tutte le regioni del mondo.

Il ritmo di incremento annuale sta lievemente rallentando per le dimensioni ormai massicce del mercato che rende i tassi di espansione gradualmente più misurati, osservano i ricercatori. Ma anche così il 2020 si avvia ad essere un anno record per le entrate dei servizi cloud, sicuramente al di sopra dei 100 miliardi di dollari: la crescita è prevista robusta anche quest’anno, si evince dal grafico elaborato da Statista.

La classifica dei provider

A livello di fornitori, la crescita Amazon riflette da vicino la crescita generale del mercato di riferimento, cosicché la AWS, la divisione cloud del colosso americano, conserva uno share del 33%, posizionandosi ancora sul gradino più alto del podio. Nella classifica si conferma seconda Microsoft, che cresce a ritmi più alti del mercato di riferimento e ora ha un market share del 18% (3 punti percentuali in più nel corso del 2019). Restano indietro alle due leader Google, Alibaba e Tencent ma con tassi di crescita decisamente superiori al mercato generale: questi fornitori guadagnano rapidamente quote. Nel quarto trimestre tutte e tre le aziende – Google, Alibaba e Tencent – hanno registrato incrementi dei ricavi del 50% o più anno su anno.

WEBINAR
DataOps, Cloud e AI: un approfondimento con gli esperti
Cloud
Hybrid cloud

Altri quattro cloud provider – Ibm, Salesforce, Oracle e Rackspace – hanno quote di mercato importanti ma restano in qualche modo, secondo Synergy Research, “forti player di nicchia” con tassi di crescita più lenti.

Il predominio dei primi cinque vendor – Amazon, Microsoft, Google, Alibaba, Tencent – è particolarmente spiccato nel public cloud: controllano i tre quarti del mercato.

Mercato raddoppiato in due anni

Il 2019 si è chiuso col botto visto che Amazon e Microsoft hanno entrambe registrato significativi incrementi sequenziali nei ricavi dell’attività cloud”, ha commentato John Dinsdale, Chief analyst di Synergy Research Group. “Grazie a questi due leader di mercato e alla forte crescita di altri fornitori del cloud, il mercato nel 2019 ha raggiunto dimensioni più che doppie rispetto al 2017. Considerati i trend storici di questo mercato continueremo ad assistere a una crescita robusta. E vedremo anche una serrata battaglia tra i colossi globali e i fornitori più piccoli che hanno una presenza più focalizzata o a livello geografico o di servizi offerti”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3