L'ANALISI

Cloud, Cisco: “Serve un modello operativo che acceleri sull’hybrid”

Un nuovo report rivela come massimizzare gli investimenti multicloud, oggi frenati da timori di sicurezza, complessità e costi. Fondamentale la pianificazione della strategia infrastrutturale in ottica cloud-native

07 Lug 2022

Veronica Balocco

Schermata 2022-07-07 alle 14.59.20

La percentuale di aziende che stanno adottando il cloud pubblico è in costante crescita. Da questa premessa è nata l’idea di un nuovo studio, così Cisco ha commissionato a 451 Research un’indagine su 2.500 decisori It e professionisti cloud, DevOps e networking di tutto il mondo. I risultati sono stati pubblicati nel 2022 Global hybrid cloud trends report (SCARICA QUI IL REPORT COMPLETO).

Come da previsioni, il report ha rilevato che l’82% degli intervistati ha adottato una strategia di cloud ibrido con almeno un servizio di cloud pubblico per eseguire le applicazioni interne e rivolte ai clienti. Di questi, quasi la metà ha una strategia multicloud che prevede l’utilizzo di due o più servizi di cloud pubblico. Ma qual è il grado di avanzamento delle aziende nell’esecuzione delle loro strategie ibride e multicloud, in particolare nel raggiungimento di risultati aziendali chiave come il miglioramento della distribuzione delle applicazioni, la semplificazione delle operazioni e l’accelerazione dell’innovazione?

Più cloud, più problemi

È stato chiesto ai partecipanti al sondaggio di classificare i principali problemi riscontrati nelle loro operazioni ibride e multicloud. I primi tre sono stati la sicurezza (37%), la complessità operativa e il contenimento dei costi (entrambi 33%). Ecco alcuni dei motivi.

WHITEPAPER
Internet Explorer 11, end-of-life: cosa comporta in termini di app modernization?
Cloud
Software

Sicurezza: i fattori che hanno portato gli intervistati a classificare questo aspetto come la sfida principale sono molteplici. In primo luogo, la protezione all’accesso e all’interno degli ambienti cloud pubblici è una disciplina relativamente nuova per le organizzazioni IT, che hanno trascorso decenni a proteggere applicazioni, dati e utenti utilizzando approcci “firewall” basati sul concetto di perimetro. In secondo luogo, i rischi per la sicurezza aumentano con il passaggio di applicazioni e dati da un ambiente all’altro. Infatti, il 58% degli intervistati ha dichiarato di spostare settimanalmente carichi di lavoro e dati tra ambienti on-premise e cloud pubblico.

Complessità operativa: la natura stessa del cloud ibrido richiede alle organizzazioni It di gestire domini diversi di cloud pubblico e on-premise, considerando infrastrutture di computing, di rete e di storage. Ogni risorsa di cloud pubblico e on-premise ha i propri strumenti indipendenti di visibilità, monitoraggio e governance. Inoltre, mentre i team It tradizionali sono tipicamente centralizzati, ogni linea di business può avere il proprio team di sviluppo app, operazioni cloud e DevOps, rendendo più difficile la collaborazione tra questi team. Di conseguenza, il 55% degli intervistati ha dichiarato di aver creato un team interfunzionale con rappresentanti tecnici e di business. Inoltre, il 50% ha centralizzato le funzioni di CloudOps e NetOps per garantire l’efficienza operativa e il raggiungimento di obiettivi aziendali, come l’ottenimento di agevolazioni sui prezzi da parte dei fornitori di cloud pubblico.

Contenimento dei costi: lo studio ha anche rilevato che la gestione dei costi non è la motivazione principale che spinge le aziende ad adottare più cloud. Tutt’altro. Sebbene le aziende si aspettino di ottenere vantaggi come una maggiore agilità e un’innovazione più rapida, il 66% ha dichiarato che la riduzione dei costi non è un beneficio che si aspetta. Un fattore che contribuisce all’aumento dei costi è la grande varietà di luoghi fisici o virtuali e tipologie di infrastrutture in cui le applicazioni possono essere eseguite. Ciò si basa, in parte, sul fatto che molte applicazioni, come quelle ad alta intensità di dati o AI/ML, richiedono hardware specializzato per ottenere le prestazioni e la scalabilità richieste. Infatti, il 79% degli intervistati afferma che più del 51% dei loro carichi di lavoro e dei loro dati viene eseguito su hardware diverso nei vari ambienti, e questo può aumentare la complessità e i costi.

Il cloud come modello operativo

Uno dei dati più importanti tra quelli rilevati è che queste tre sfide non devono essere considerate come problemi distinti, ma come altamente interconnessi. Per questo motivo, la soluzione più adatta richiederà la definizione di una strategia infrastrutturale a livello aziendale basata sull’evoluzione verso un modello operativo cloud che acceleri l’adozione del multicloud e di una pianificazione in ottica cloud-native.

Un modello operativo cloud di successo può offrire vantaggi importanti, come la possibilità per l’It di fornire un accesso self-service all’infrastruttura, la possibilità di sfruttare un kit di strumenti cloud-native con innovazioni prontamente disponibili nei cloud pubblici e la riduzione dei costi operativi, pagando le risorse e i servizi solo in base al loro consumo. I clienti di Cisco che hanno adottato un modello operativo cloud stanno continuando a innovare e stanno potenziando i loro processi operativi It con casi d’uso specifici per il cloud ibrido.

Eccone alcuni: business continuity e backup a costi operativi inferiori utilizzando i cloud pubblici per il disaster recovery e l’archiviazione dei dati offsite; sfruttare i servizi cloud-native, tra cui la gestione tramite Api di hardware, software, container, microservizi per massimizzare l’agilità e la flessibilità; accesso predicibile e conveniente a risorse e capacità attraverso un modello di consumo flessibile, sia che si tratti di un servizio on-premise che di un cloud pubblico.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

C
Cisco

Approfondimenti

C
Cloud
H
hybrid cloud
M
multicloud

Articolo 1 di 3