LA STRATEGIA NAZIONALE

Cloud Italia, valzer di cda: si punta a chiudere il cerchio entro settembre

Il ministro Colao attende proposte. Accelerano Cdp, Tim, Sogei e Leonardo, i protagonisti della “cordata” nazionale. Convocato per domani il consiglio di amministrazione di Tim. Leonardo ha fissato al 30 settembre. Sogei e Cdp non hanno ancora una data ma è questione di ore

22 Set 2021

Mila Fiordalisi

Direttore

tera-data-cloud-160914125315

Presentare al ministro Colao un progetto per la strategia di cloud nazionale entro fine mese, così come auspicato dallo stesso ministro. La cordata Cdp-Tim-Sogei-Leonardo spinge l’acceleratore. Convocato per domani il Cda della telco guidata da Gubitosi che all’ordine del giorno avrà proprio la discussione sul progetto Cloud Italia. Sogei, secondo quanto risulta a CorCom, si prepara a convocare il cda nelle prossime ore. Leonardo ha un cda fissato per il 30 settembre, ma non si esclude un nuovo appuntamento intermedio. Bocche cucite in Cassa Depositi e Prestiti ma sicuramente i tempi saranno stretti considerata la roadmap fissata da Colao.

La “Strategia Cloud Italia” è stata presentata dal ministro dell’Innovazione e Trasformazione digitale Vittorio Colao lo scorso 7 settembre: si tratta di un documento di indirizzo strategico per l’implementazione e il controllo del Cloud della Pubblica amministrazione. Un progetto “orientato a garantire al tempo stesso sicurezza, salvaguardia ma anche modernità, efficienza e stabilità a livello nazionale che contempera sia il mondo privato e quello pubblico”, ha detto il ministro.

Tre le principali direttrici: creazione del Polo Strategico Nazionale (Psn), un’infrastruttura nazionale per l’erogazione di servizi Cloud, la cui gestione e controllo  di indirizzo siano autonomi da fornitori extra Ue; percorso di qualificazione dei fornitori di cloud pubblico e dei loro servizi per garantire che le caratteristiche e i livelli di servizio dichiarati siano in linea con i requisiti necessari di sicurezza, affidabilità e rispetto delle normative rilevanti; sviluppo di una  metodologia di classificazione dei dati e dei servizi gestiti dalle pubbliche amministrazioni, per permettere  una migrazione di questi verso la soluzione Cloud più opportuna (Psn) o Cloud pubblico qualificato.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5