LA COLLABORAZIONE

Cloud, Italtel lancia Fast-shift: sprint alla migrazione

Insieme a Cisco e Microsoft, l’azienda ha sviluppato una soluzione che sposta selettivamente le applicazioni preservandone la raggiungibilità, senza modifiche al piano di indirizzamento IP e alle infrastrutture di rete

14 Lug 2022

Lorenzo Forlani

multicloud

E’ stata concepita per far fronte alle difficoltà con cui si misurano oggi le organizzazioni IT aziendali, che hanno iniziato un percorso di migrazione al Cloud e scelto il modello del Cloud ibrido: si chiama Fast-shift, soluzione sviluppata da Italtel, Miscosoft e Cisco, che serve migrare in modo sicuro quelle applicazioni che hanno una dipendenza o devono sottostare a requisiti di conformità da indirizzi IP specifici.

È in caso, per esempio, di applicazioni configurate con indirizzo IP cablato, cioè un indirizzo statico configurato all’interno del codice dell’applicazione, che non può essere modificato. In questo scenario, presente per lo più in applicazioni obsolete ma ancora considerate business-critical, si rende necessario poter estendere la rete del Data Center aziendale verso il Cloud pubblico, per consentirne la migrazione.

Una soluzione multi-domain e rapida

Fast-Shift è una soluzione efficace, multi-domain, messa a punto insieme ai nostri partner Microsoft e Cisco e basata sulla nostra capacità di sviluppo software in particolare sui temi di networking”, commenta Camillo Ascione, Chief Partnership, Technology and Communication Officer di Italtel. “I team IT delle aziende devono poter migrare facilmente e velocemente le proprie applicazioni, senza necessità di fare modifiche software o di modificare l’indirizzamento IP in base all’infrastruttura del Cloud Provider. Fast-Shift soddisfa a pieno questi requisiti e permette alle aziende che passano ad Azure di ottenere vantaggi sia sotto l’aspetto della mobilità IP sia della migrazione dei server Microsoft obsoleti nel Cloud Azure”.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Il ruolo di Italtel nello sviluppo software

Nella creazione di Fast-shift, Italtel ha contribuito alla messa a punto della soluzione con la propria capacità di sviluppo software, che è stata utilizzata per risolvere le esigenze di adattamento del networking presente negli ambienti IT aziendali rispetto al networking degli ambienti di cloud pubblico. Fast-Shift rende possibile l’estensione di una o più subnet locali del Data Center aziendale verso il Cloud Azure, e consente alle applicazioni di dialogare sulle stesse reti, anche quando sono allocate in posizioni fisiche diverse.

Il nostro obiettivo con Microsoft Azure è accompagnare le aziende in modo rapido e sicuro nei processi di migrazione al cloud. Una soluzione come Fast-Shift può aiutare nei diversi progetti che stiamo realizzando”, il commento di Roberto Filipelli, Cloud and Enterprise Business Group Director for Italy di Microsoft. “In questo contesto, il nostro ecosistema di partner è cruciale e Italtel, per le sue grandi competenze nell’ambito delle infrastrutture di networking e dello sviluppo software, mette a disposizione soluzioni e competenze dedicate per accelerare e semplificare la migrazione al cloud”, ha aggiunto.

I vantaggi di Fast-shift

La rete è sempre più rilevante per abilitare le nuove modalità operative legate all’approccio Cloud, in tutte le sue declinazioni privato, pubblico, ma sempre più spesso ibrido e multi-cloud”, spiega invece Fabrizio Gergely, Cisco Italy Architecture Sales Leader. “Fast Shift utilizza protocolli di comunicazione inizialmente sviluppati da Cisco ed oggi standard di mercato, insieme alle competenze di Italtel per accelerare il processo di adozione del Cloud da parte dei Clienti”, conclude.

I vantaggi più immediati, tra quelli portati da Fast-shift, sono essenzialmente legati al mantenimento degli indirizzi IP e della configurazione dei parametri di rete per le applicazioni migrate sul Cloud Azure, anche nel caso di applicazioni obsolete, non più supportate, o in presenza di un indirizzo IP cablato all’interno dell’applicazione stessa; all’accelerazione dei tempi di migrazione, senza che venga modificato il codice delle applicazioni e l’infrastruttura di rete attuale; alla migrazione selettiva e graduale delle applicazioni, che ne preservi comunque la raggiungibilità, evitando la necessità di una migrazione massiva sul Cloud.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5