RICERCA

Emergenza Coronavirus, Huawei e Retelit collegano Italia e Cina

Relizzata la prima videoconferenza tra l’ospedale Cotugno di Napoli e quello di Zhongshan. Esperti a confronto su best practice per fronteggiare la pandemia e sperimentazioni farmacologiche

02 Apr 2020

A. S.

Due ore di videoconferenza per condividere le best practice, a livello diagnostico e di cura, per affrontare l’emergenza coronavirus, le esperienze locali e le sperimentazioni farmacologiche in corso. A rendere possibile il collegamento tra gli esperti dell’ospedale Cotugno di Napoli e quelli dell’ospedale Zhongshan della Fudan University di Shanghai sono state le tecnologie messe in campo da Huawei e Retelit, che hanno fornito rispettivamente gli apparati di video conferenza e la tecnologia cloud che, tramite sistemi di archiviazione sicuri, consente l’accesso tempestivo ai dati e alle cartelle dei pazienti affetti da Covid-19.

Gli Ospedali dei Colli, di cui il Cotugno fa parte, sono la prima struttura ad usufruire di questa opportunità, che vedrà coinvolte in futuro altre undici realtà ospedaliere italiane. 

WHITEPAPER
Sicurezza nel cloud: una guida ad architetture e soluzioni
Cloud
Sicurezza

“Nell’attuale emergenza sanitaria – si legge in una nota – è diventato evidente il ruolo centrale che le tecnologie digitali possono svolgere nel facilitare diagnostica, visite e cure a distanza, ma anche nel mettere in collegamento medici e ricercatori di tutto il mondo per condividere informazioni, esperienze e buone prassi”.

Grazie ai confronti a distanza tra gli studiosi è possibile individuare velocemente i protocolli di cura più efficaci ma che richiede una dotazione tecnologica adeguata da parte delle strutture sul territorio. Lo stesso sistema, a volte – conclude il comunicato – viene utilizzato anche per il collegamento fra ospedali diversi o più strutture all’interno della stessa azienda ospedaliera, riducendo così le occasioni di contagio e aumentando la sicurezza. 

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

H
Huawei
R
Retelit

Approfondimenti

C
Cloud
C
coronavirus
C
covid-19

Articolo 1 di 5