Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Ibm accelera con “l’intelligenza” nella nuvola

Nuove funzionalità cloud per il servizio di cognitive computing Watson. E al via anche nuovi servizi localizzati in differenti mercati globali

15 Ott 2014

Antonio Dini

Watson sta imparando lo spagnolo con CaixaBank. E non solo. L’agente cloud di Ibm per il cognitive computing sta diventando sempre più “esperto” utilizzando differenti localizzazioni e basi sulle quali effettuare le sue elaborazioni. È una vera e propria offensiva di espansione globale da parte di Ibm: il Bumrungrad International Hospital in Tailandia, il Metropolitan Health in Sudafrica, l’ANZ Global Wealth e la Deakin University in Australia utilizzano Watson e così il fondatore di Travelocity e Kayak.com, secondo il quale con l’aiuto di Ibm sta ridefinendo l’esperienza del viaggio; intanto la prima ondata di startup e partner presenta per la prima volta app alimentate da Watson mentre viene inaugurato il quartier generale di Watson nella Silicon Alley a New

Ibm ha annunciato nuove tappe per l’adozione di Watson e delle funzionalità di cognitive computing fornite via cloud su scala mondiale. Watson è una piattaforma basata sulla capacità di interagire tramite il linguaggio naturale, di elaborare grandi quantità di Big Data per scoprire modelli e informazioni e di apprendere da ogni interazione. Secondo Gartner le “macchine intelligenti” rappresenteranno il cambiamento più rivoluzionario mai determinato nell’information technology, in grado di dare alle persone più efficienza.

Ibm sta lavorando molto alla tecnologia Watson in tutto il mondo, e ha annunciato il coinvolgimento di Watson presso clienti in sei continenti e più di 25 Paesi, tra cui Sudafrica, Australia, Regno Unito, Tailandia, Canada e Stati Uniti. In particolare, Watson sta imparando lo spagnolo grazie a una nuova partnership con la CaixaBank, in Spagna mentre sta arrivando la prima ondata di partner Ibm che presentano sul mercato app alimentate da Watson, in settori quali viaggi, retail, servizi IT, sanità e non-profit. In più Ibm segnala l’apertura del quartier generale di Watson nella Silicon Alley, a New York, e di cinque nuovi Watson Client Experience Center a livello mondiale

«Watson – dice Mike Rhodin, vicepresidente Ibm per Watson Group – sta anticipando la nuova era del computing, consentendo alle organizzazioni di tutto il mondo di lanciare nuove imprese, ridefinire i mercati e trasformare i settori. Watson alimenta un nuovo mercato e un nuovo ecosistema di clienti, partner, sviluppatori, venture capitalist, università e studenti. Le prossime grandi innovazioni arriveranno da persone in grado di stabilire connessioni invisibili agli altri, e Watson rende tutto ciò possibile».

Nuovi clienti Ibm che implementano questa tecnologia nel mondo:

ANZ Global Wealth (Australia) – ANZ presenterà il nuovo Watson Engagement Advisor Tool nel suo centro “Grow” di Sydney e lo lancerà a livello più generale per oltre 400 esperti di pianificazione finanziaria. Con l’apertura del tool di Watson all’ambiente esterno, ANZ potrà osservare le tipologie di domande generate sia dai clienti che dai consulenti finanziari, per continuare a potenziare le capacità e la conoscenza di Watson. L’obiettivo di ANZ per Watson è di permettere al suo team di consulenti finanziari di fornire un processo di consulenza perfezionato – rendendo più rapido ed efficiente per i clienti ricevere una formulazione di consulenza finanziaria, riducendo i tempi da settimane ad appena una sessione. Il lavoro iniziale di Watson si svolge nell’area delle assicurazioni e della tutela, ma presto si espanderà fino a coprire l’intera strategia patrimoniale, inclusi fondi pensione e investimenti.

Bumrungrad International Hospital (Tailandia) – Il Bumrungrad prevede di utilizzare Watson per migliorare la qualità delle cure oncologiche presso il suo centro medico di Bangkok e la valutazione dei casi clinici nelle sedi di riferimento, in 16 Paesi in quattro continenti. Per un quinquennio, Bumrungrad utilizzerà Ibm Watson for Oncology, sviluppato con il Memorial Sloan Kettering (MSK), uno dei centri oncologici leader al mondo. Il sistema innovativo aiuterà i medici del Bumrungrad a pianificare i trattamenti più efficaci per i pazienti oncologici sulla base di ciascun profilo individuale, delle prove mediche, delle ricerche pubblicate e della vasta competenza clinica dell’MSK. Watson analizzerà enormi quantità di queste informazioni e presenterà una sintesi dei risultati attinenti a ciascun caso clinico, incluse le opzioni di trattamento basate sulle linee guida del National Comprehensive Cancer Network (NCCN). Con sede a Bangkok, il Bumbrungrad è il più grande ospedale privato nel Sud-Est Asiatico e uno dei centri medici più famosi al mondo. Quasi metà dei suoi pazienti (1,1 milioni l’anno) proviene da 190 Paesi di tutto il mondo.

CaixaBank (Spagna) – CaixaBank e Ibm lavorano per sviluppare un sistema cognitivo basato su Watson in lingua spagnola. Con l’obiettivo di fornire il migliore customer service, CaixaBank è pioniera nel settore bancario, ad esempio con la prima implementazione al mondo di PC Ibm nelle filiali, la creazione del primo bancomat “contactless” al mondo e il primo app store per applicazioni finanziarie. Questo annuncio è un’altra tappa importante per CaixaBank, la prima organizzazione a lavorare con Ibm per insegnare lo spagnolo a Watson. Questo accordo è stato sviluppato nel quadro di una collaborazione tra il Digital Innovation Center di CaixaBank e Ibm.

Deakin University (Australia) – Per prima, la Deakin University sfrutterà Watson per creare un consulente online per l’interazione con gli studenti. L’applicazione fornirà ai 50mila studenti dell’università accesso online istantaneo tramite il web e i dispositivi mobili, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Inoltre, il consulente assisterà anche i futuri iscritti e il personale a contatto con gli studenti per qualunque questione, dalle domande più semplici a risposte personalizzate “su misura”. Nei prossimi mesi, Watson analizzerà migliaia di pagine di dati non strutturati dell’ateneo, contenuti in documenti, presentazioni, brochure e online, per garantire che gli utenti ricevano risposte coerenti e di alta qualità alle loro domande. Le domande ricevute copriranno un’ampia gamma di argomenti, come ad esempio: “Che cosa mi serve per l’iscrizione?” “Quali attività sociali posso svolgere alla Deakin?” “Dove si trova il dipartimento di biologia?” “Quali sono i requisiti informatici per il mio corso?” Col tempo, gli studenti che porranno una domanda a Watson potranno attendersi informazioni su misura, consulenza personalizzata e risposte basate sul loro profilo individuale.

Metropolitan Health (Sudafrica) – Nella prima applicazione commerciale di Watson nel continente africano, Metropolitan Health utilizza Watson per trasformare i servizi di consulenza sanitaria per i suoi tre milioni di clienti. Metropolitan Health fornirà servizi personalizzati per la salute e il benessere, basati sugli esiti, ai cittadini in tutto il Sudafrica. Grazie al Watson Engagement Advisor di Ibm, la tecnologia di cognitive computing aiuterà gli addetti all’assistenza clienti di Metropolitan Health ad analizzare i grandi volumi di dati complessi strutturati e non, tra cui informazioni sui prodotti e profili degli associati, in modo da identificare relazioni tra le esigenze dei clienti e il crescente volume di conoscenza sulla salute e sugli stili di vita. Watson aiuta tali addetti a valutare le varie opzioni a disposizione degli associati, permettendo un processo decisionale più efficace e generando risultati sanitari migliori.

Argomenti trattati

Approfondimenti

I
ibm
W
watson

Articolo 1 di 5