Il cloud pilastro della nuova sanità: il Covid-19 "test" senza precedenti - CorCom

L'APPROFONDIMENTO

Il cloud pilastro della nuova sanità: il Covid-19 “test” senza precedenti

Dai vaccini alle terapie, dalle ospedalizzazioni alla telemedicina: la pandemia ha innescato una spinta all’uso delle tecnologie digitali nel campo sanitario a 360 gradi. Si punta a fare leva sulla “nuvola” per elaborare strategie per una maggiore efficienza e cure sempre più avanzate. Aws fra le aziende protagoniste, ecco tutti i progetti in campo

09 Ago 2021

Raffaele Resta

Head of Italy Public Sector di Aws

Il cloud computing ha svolto un ruolo cruciale nella risposta sanitaria al Covid-19. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), sarebbero più di 180 milioni i casi confermati di Covid-19 a livello globale. In Italia, il numero di persone contagiate è di circa 4 milioni (128.000 morti secondo i dati di OurWorldData.org).

Operatori sanitari, professionisti, aziende farmaceutiche, ricercatori, assistenti in prima linea e volontari hanno lavorato fianco a fianco per aiutare il mondo ad affrontare questa crisi.  Questi gruppi di persone sono stati aiutati da una serie di nuove tecnologie innovative che hanno rapidamente accelerato la capacità del settore di rispondere al virus da Covid-19, supportandoli in circostanze difficili e moltiplicando i trattamenti disponibili per i pazienti.

L’impatto del Covid-19 sui professionisti sanitari è iniziato con un aumento di nuovi pazienti bisognosi di cure urgenti. Ma nuove e impreviste sfide sono emerse con lo sviluppo della crisi. Ad esempio, le restrizioni sociali sono state necessarie per tenere tutti al sicuro il più possibile. La crisi ha portato alla rapida proliferazione di nuove ricerche su vaccini e terapie, che dovevano essere analizzate e comprese per il loro potenziale nel salvare vite umane. Abbiamo anche assistito a un aumento della disinformazione, che ha portato a nuove richieste di informazioni accurate da parte degli operatori sanitari.

Questi fattori hanno contribuito a ridurre il tempo, le risorse e il personale del settore su tutti i fronti, di conseguenza, la domanda di soluzioni digitali innovative è accelerata. In tutto il mondo, le organizzazioni sanitarie utilizzano le tecnologie Cloud di Aws per aiutare. In Italia, uno studio di ricerca mira a prevedere la prognosi dei pazienti Covid-19 ricoverati: sta accelerando il suo lavoro grazie al supporto di Aws. Il progetto no-profit, denominato AlforCovid, è il risultato di un partenariato pubblico-privato tra il Centro Diagnostico Italiano, la società di imaging diagnostico Bracco Imaging, e diversi istituti e ospedali italiani. Lo scopo principale del progetto sarà quello di creare un modello di intelligenza artificiale in grado di prevedere l’evoluzione della malattia in un paziente, utilizzando immagini radiografiche del torace e cartelle cliniche come input di formazione. Il cloud computing supporta queste organizzazioni fornendo la tecnologia necessaria per misurare la diffusione del virus da Covid-19, per testare i cittadini, monitorarne l’impatto, decodificare le risposte del sistema immunitario, sviluppare terapie, distribuire e gestire i vaccini e molte altre funzioni cruciali.

Un altro esempio di come gli italiani stiano reagendo è Cod19.it, un’applicazione realizzata da Gianvincenzo Zuccotti, Primario di Medicina dell’Università Statale di Milano, e sviluppata da Apn Partner Link Up. L’applicazione permette al personale in prima linea di entrare in contatto, via telefono, con pazienti positivi – o sospetti positivi – al Coronavirus che sono stati dimessi dalle strutture ospedaliere. Questo permette al personale medico di controllare lo stato di salute del paziente dimesso, chiamandolo due volte al giorno, e fornendogli assistenza medica continua, attraverso il monitoraggio e il supporto costante a distanza, fino a quando non sono certificati come completamente recuperati.

Questi benefici non riguardano solo la fornitura di servizi diretti – molti dei processi manuali nello sviluppo dei vaccini, nella ricerca terapeutica e nell’assistenza dei pazienti possono anche essere resi più intelligenti, più veloci e meno ripetitivi utilizzando la tecnologia cloud, in particolare l’adozione dell’apprendimento automatico. Questo, a sua volta, accelera i tempi di sviluppo dall’idea all’intervento, il che significa che i trattamenti salvavita e gli approcci possono raggiungere le persone che ne hanno bisogno più rapidamente. In breve, il cloud computing può consentire alle organizzazioni sanitarie di innovare rapidamente e scalare soluzioni di impatto – soddisfacendo al contempo i più elevati requisiti di sicurezza e conformità.

Affiancare i ricercatori

In Francia, ad esempio, il Laboratorio di Chimica Teorica dell’Università della Sorbona ha avviato una ricerca per capire meglio come il virus funzioni a livello molecolare – un processo che dipende dal calcolo ad alte prestazioni (Hpc), da Aws per modellare diverse proteine. Utilizzando le tecnologie cloud, si stima che il laboratorio potrebbe completare i calcoli necessari in meno di sei mesi invece di impiegarci diversi anni.

WHITEPAPER
Data-Driven Manufacturing: come usare i dati per trasformarli in business
IoT
Manifatturiero/Produzione

Allo stesso modo, le aziende sanitarie digitali, Smart Reporting in Germania e Thirona nei Paesi Bassi, stanno lavorando per creare una soluzione di imaging basata su Ct per supportare la diagnosi di Covid-19. Il dottor Wieland Sommer, fondatore e amministratore delegato di Smart Reporting, ha spiegato: “Di solito ci vogliono diversi anni prima che la ricerca accademica si traduca in un prodotto reale e fattibile. Qui, abbiamo fatto tutto questo in tre mesi per sviluppare prodotti interagenti [con Thirona]. Questo è stato possibile grazie alla tecnologia cloud in quanto abbiamo tutti potuto utilizzare la stessa infrastruttura.”
Gli operatori sanitari hanno anche assistito alla diffusione di una marea di informazioni sul virus, infatti sono stati pubblicati più di 300.000 articoli di ricerca medica sul tema del trattamento Covid-19 tra dicembre 2019 e maggio 2020.

Per affrontare questo problema, un team dell’Imperial College London ha creato una piattaforma di conoscenza globale chiamata REDASA (Realtime Data Analysis and Synthesis).La piattaforma combina l’intelligenza artificiale con l’esperienza umana per aiutare la comunità sanitaria a dare rapidamente un senso a questa ondata di informazioni, e alla fine trovare migliori trattamenti per il virus da Covid-19 e risparmiare ai medici decine di migliaia di ore di tempo che può essere speso meglio per la cura dei pazienti e la pianificazione.

Sviluppo e distribuzione del vaccino

Il cloud ha dimostrato di essere uno strumento inestimabile per sostenere lo sviluppo e l’implementazione dei vaccini contro Covid-19. Lo sviluppo, la gestione e la distribuzione di un vaccino in grado di combattere una pandemia globale richiedono innovazione e sistemi IT modernizzati per garantire che le dosi arrivino ai pazienti in modo rapido ed efficiente. Nello sviluppo dei vaccini, gli scienziati di Moderna hanno utilizzato Aws per ridurre il tempo necessario per far avanzare i candidati farmaci per gli studi clinici; aumentare l’agilità dei suoi processi di ricerca, sviluppo e produzione; e ottenere risultati, come vaccini contro il cancro personalizzati; ciò sarebbe stato impossibile anche qualche anno fa.

Tutti gli algoritmi di ricerca di Moderna si basano sulla potenza computazionale del cloud computing per promuovere la scienza. Allo stesso modo, tutta la sua produzione è completamente digitalizzata, senza supporti cartacei, e si trova sul cloud – compreso il suo sistema di esecuzione della produzione. E per gli studi clinici, la maggior parte dei suoi dati di prova risiede in modo sicuro su AWS, utilizzando Amazon Redshift per l’analisi.

Tecnologia a supporto della cura del paziente

Nell’assistenza ai pazienti, c’è stato un boom nelle consultazioni video ambulatoriali in quanto le piattaforme digitali rendono più facile, più sicuro, più veloce e più conveniente per i pazienti parlare con i professionisti.

Nel Regno Unito, ad esempio, il fornitore di videoconferenza Attend Anywhere ha permesso a decine di migliaia di persone di vedere virtualmente i propri clinici in pochi mesi all’inizio della crisi dello scorso anno, e molti altri su base continuativa da allora, infatti, in molti hanno continuato ad adottare il video come opzione standard fornita ai pazienti. Questo passaggio alle piattaforme digitali dovrebbe superare la crisi e fornire benefici a lungo termine sia ai pazienti che ai professionisti.
In Inghilterra, il National Health Service (NHS) ha utilizzato il cloud computing per analizzare i dati sui livelli di occupazione degli ospedali, la capacità dei pronto soccorso e i tempi di attesa dei pazienti per decidere dove allocare al meglio le risorse.

Nhs Digital – che progetta, costruisce e gestisce i prodotti digitali, i sistemi di dati e i servizi per il sistema sanitario nazionale nel Regno Unito – ha anche utilizzato l’infrastruttura elastica nel cloud per fornire nuovi prodotti e scalabilità dei servizi esistenti. Ad esempio, il picco di carico di un sistema chiave nelle prime settimane della pandemia era 95 volte superiore al carico di picco mai raggiunto.
Mantenere l’affidabilità e la sicurezza è stato fondamentale poiché NHS Digital ha introdotto delle modifiche ad un ritmo più veloce che mai. Secondo Sarah Wilkinson, amministratore delegato di Nhs Digital, questi sforzi sono un trampolino di lancio per il futuro.

“C’è molta più energia e ambizione per la trasformazione digitale all’interno del NHS ora di quanto non ci fosse un anno fa,” spiega Sarah. “E poiché i servizi digitali sono stati consumati a tale ritmo, e con un tale impatto positivo, c’è un livello di fiducia nel futuro che è incredibilmente emozionante.”

Aws Diagnostic Development Initiative

Con la partecipazione di 35 istituti di ricerca globali, startup e imprese, lo scorso anno Aws ha lanciato l’Aws Diagnostic Development Initiative (DDI) – un impegno iniziale di 20 milioni di dollari in crediti di calcolo e competenze personalizzate per sostenere i clienti che lavorano su test rapidi e rilevamento accurato di Covid-19. Nella prima fase dell’iniziativa, Aws ha aiutato 87 organizzazioni in 17 paesi su una serie di progetti diagnostici, tra cui test molecolari per anticorpi, antigeni e acidi nucleici; diagnostica per immagini; indossabili; e strumenti di analisi dei dati che utilizzano l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico per rilevare il virus.

Nella fase successiva, il Ddi amplierà il suo campo di applicazione a nuove aree, tra cui l’individuazione precoce delle malattie per identificare focolai comunitari, la prognosi per comprendere meglio la traiettoria della malattia e la genomica della sanità pubblica per sostenere il sequenziamento del genoma virale in tutto il mondo. Le candidature sono aperte fino alla fine di quest’anno.

Oltre la crisi

Chiaramente, questo è un momento cruciale in cui l’industria sanitaria sta cercando opportunità per identificare partenariati, lavorare in collaborazione e accelerare l’innovazione digitale per affrontare le sfide della pandemia e dell’industria in senso più ampio, utilizzando i loro risultati per identificare nuovi modi per fornire migliori cure su larga scala e salvare più vite.

Una piattaforma di conoscenza globale come Redasa presso l’Imperial College di Londra, per esempio, è immensamente utile per capire e trattare Covid-19 in questo momento. Ma, cosa importante, questa tecnologia e molte altre simili possono essere applicate ad altre forme di malattia, come il trattamento del cancro, con un lascito di vasta portata per l’assistenza sanitaria nel suo complesso.
Il dottor James Kinross del team Redasa ha spiegato perché questo tipo di tecnologia può essere trasformativa: “Non torneremo mai più ad un’assistenza sanitaria predigitale. La vita è cambiata radicalmente in termini di come comunichiamo con i pazienti, di come li responsabilizziamo con le informazioni per prendere decisioni migliori, e di come usiamo la trasformazione digitale per raggiungere questo obiettivo.”

“Stiamo ancora contando il costo umano di questa crisi,” aggiunge il dottor Kinross, “ma come medici possiamo vedere come la prima vera catastrofe globale nel nostro mondo moderno stia accelerando i progressi nella medicina e nella tecnologia che potrebbero beneficiare le persone per molte generazioni a venire.”

Il futuro del cloud computing nell’assistenza sanitaria è incredibilmente emozionante e la velocità di innovazione e adozione attraverso l’assistenza sanitaria accelererà solo quando le organizzazioni e le imprese dimostreranno l’efficacia in esempi reali. Ancora più importante, queste innovazioni possono essere viste e sentite nella cura del paziente, e nei risultati del paziente, in tutto il mondo.

WEBINAR
28 Ottobre 2021 - 12:00
Sanità: Servizi digitali e piattaforme per un Sistema Sanitario Nazionale a misura di cittadino
CIO
Dematerializzazione
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3