Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INTERNET OF THINGS

Industria 4.0, a Monaco il mega-centro Ibm da mille ricercatori

E’ il più grande investimento realizzato dall’azienda in Europa negli ultimi 20 anni. L’obiettivo è guidare l’innovazione nel settore. Al via otto nuovi centri “Internet of things client Experience” e i servizi per accelerare l’Internet delle cose cognitivo

15 Dic 2015

A.S.

Apre la sede centrale globale di Watson Internet of Things (IoT) di Ibm, che sarà caratterizzata dal lancio di una serie di nuove offerte, funzionalità e partner di ecosistema studiati per estendere le potenzialità del cognitive computing ai miliardi di dispositivi, sensori e sistemi connessi che compongono l’Internet delle cose (IoT). Nuove offerte che saranno disponibili attraverso Ibm Watson IoT Cloud, la piattaforma globale rivolta a clienti business e sviluppatori.

La sede centrale globale della nuova unità Watson IoT, insieme al primo super centro di innovazione Watson in Europa, saranno ospitati a Monaco, in Germania, in un campus che riunirà 1.000 tra sviluppatori, consulenti, ricercatori e progettisti Ibm per rafforzare l’impegno verso clienti e partner. Il centro, spiega l’azienda in una nota, fungerà inoltre da laboratorio di innovazione per data scientist, ingegneri e programmatori al lavoro su una nuova classe di soluzioni connesse, punto di incontro fra cognitive computing e IoT, in una iniziativa che rappresenta il maggiore investimento di Ibm in Europa degli ultimi vent’anni.

“Grazie a queste scelte, clienti, start-up, centri accademici e un solido ecosistema di partner IoT, dai produttori di hardware e dispositivi ai fornitori di soluzioni di settore, avranno accesso diretto alla piattaforma IoT aperta e basata su cloud di Ibm, per testare, sviluppare e creare la nuova generazione di app, servizi e soluzioni cognitivi IoT. I maggiori beneficiari saranno soprattutto i produttori leader nei settori automobilistico, elettronico, sanitario, assicurativo e di componenti industriali all’avanguardia in ambito Industry 4.0”.

“Internet delle cose sarà presto la maggiore sorgente unica di dati del pianeta, eppure il 90% di questi dati rimane ad oggi inutilizzato – spiega Harriet Green, general manager Watson IoT and Education – Grazie alla sua profonda capacità di sentire, ragionare e apprendere, Watson apre la via a imprese, governi e privati verso l’uso consapevole in tempo reale di questi dati e il confronto con set di dati storici e ampi bacini di conoscenza, con l’obiettivo di tracciare correlazioni nuove e impreviste generando insight a beneficio del business e della società.”

Quanto agli otto nuovi centri Watson IoT Client Experience in Asia, Europa e Americhe, le nuove sedi si trovano a Pechino (Cina), Boeblingen (Germania), San Paolo (Brasile), Seoul (Corea), Tokyo (Giappone) e in Massachusetts, North Carolina, e Texas (Stati Uniti). Le nuove sedi offrono ai clienti e ai partner l’accesso a tecnologie, strumenti e talenti necessari a sviluppare e creare nuovi prodotti e servizi basati sull’uso dell’intelligenza cognitiva disponibile tramite Watson IoT Cloud Platform.

Al via anche una collaborazione con Siemens Building Technologies per ottimizzare l’innovazione nella digitalizzazione degli edifici: “Integrando nella gestione e nelle analisi degli asset una profonda comprensione tecnica del funzionamento degli edifici, Siemens valorizzerà le attività edili dei clienti in termini di affidabilità, sostenibilità e migliore rapporto costi-benefici – spiega Matthias Rebellius, Ceo di Siemens Building Technologies – Siamo entusiasti all’idea di allargare il campo delle possibilità nell’ottimizzazione delle prestazioni degli edifici grazie alla combinazione della gestione degli asset e le tecnologie dei database dell’unità business di Watson IoT con il nostro know-how di leader nel settore dell’automazione degli edifici”.

Quattro infine le nuove famiglie di servizi Api Watson che entrano a far parte della nuova offerta Ibm Watson IoT Analytics, che consentiranno a clienti, partner e sviluppatori di utilizzare al meglio questi dati tramite attività di machine learning e correlazione con dati non strutturati: Api Natural Language Processing (NLP), Api Watson Machine Learning, Api Video and Image Analytics e Api Text Analytics.

Articolo 1 di 3