Interoute si rafforza in Asia: a Istanbul il nuovo virtual data center - CorCom

CLOUD

Interoute si rafforza in Asia: a Istanbul il nuovo virtual data center

L’Ad per l’Italia Simone Bonannini: “La Turchia è un hub strategico per il business internazionale. Il nostro nodo sarà utile anche alle aziende dell’e-commerce, che in Turchia è in crescita esponenziale”

19 Mag 2016

Antonello Salerno

Interoute estende la propria piattaforma di networked cloud in Asia grazie all’apertura di un Virtual Data Center (VDC) a Istanbul. Il cloud globale integrato e la piattaforma di rete dell’operatore è così ora disponibile in 15 sedi distribuite in 3 continenti. Interoute è tra l’altro al momento l’unico provider a offrire in Turchia un cloud locale connesso, tramite un’unica piattaforma, agli altri nodi globali presenti nel resto di Europa, Asia e Nord America.

“La Turchia non è soltanto un paese fondamentale per gli equilibri presenti e futuri dell’Europa, ma anche un hub strategico per il business internazionale – spiega a CorCom Simone Bonannini (nella foto), amministratore delegato di Interoute Italia – Oggi l’Italia rappresenta il quarto partner commerciale in assoluto, ma l’economia turca è in rapido sviluppo e la relazione tra i due paesi è destinata a crescere. Il nuovo nodo Virtual Data Center di Istanbul rappresenta un’ottima opportunità sia per le aziende che vogliano affermare la propria presenza nei mercati asiatici sia per quelle che vogliono trarre vantaggio dalla nostra piattaforma digitale. Un esempio su tutti può essere quello delle aziende che operano nell’e-commerce, un settore in crescita esponenziale in Turchia che sta attraendo aziende da tutta Europa. Come Interoute, siamo lieti di essere non soltanto un partner tecnologico, ma una vera spinta verso l’innovazione e lo sviluppo per le aziende del nostro paese”.

Il nuovo Virtual Data Center offre, inoltre, alle imprese locali ad Istanbul un’alternativa ad altri cloud provider i cui nodi sono unicamente negli Stati Uniti o in Europa Occidentale. Questa vicinanza consente di ospitare le applicazioni dove sono realmente gli utenti, senza la necessità di trasferire i dati a migliaia di chilometri di distanza per l’elaborazione.

“Istanbul è un mercato di importanza strategica in quanto rappresenta un ponte digitale tra Europa, Medio Oriente e Sud-Ovest asiatico – sottolinea Matthew Finnie, Cto di Interoute – Sei anni fa, abbiamo esteso la nostra dorsale paneuropea in fibra fino al cuore operativo di Istanbul, attualmente un centro di business molto dinamico. Su questa base abbiamo esteso la nostra piattaforma cloud globale all’interno della regione: in questo modo, aziende, imprenditori e sviluppatori che usano il VDC di Interoute possono ora godere dei benefici di un cloud ad alte prestazioni vicino ai propri utenti, avendo al contempo accesso immediato ad Europa, USA e Asia tramite la piattaforma globale di networked cloud”.

Il VDC di Interoute è un networked cloud che offre sia servizi di cloud pubblico che di cloud privato, spiega l’azienda, realizzati all’interno della vasta rete di nuova generazione di Interoute. Le performance sono ottimizzate poiché i dati sono instradati all’interno della dorsale globale, garantendo livelli di latenza tra i più bassi del mercato. La piattaforma supporta i dati, i software e i servizi digitali affiancando i sistemi legacy dei clienti, per abilitare la digital transformation e la creazione di servizi per le imprese.

Il Vdc di Interoute ha un’interfaccia online facile da usare e può anche essere controllato tramite numerose funzionalità Api. Per lo storage dei propri dati i clienti possono selezionare uno qualsiasi dei 15 nodi globali in cui sono presenti i Vdc, mantenendo il pieno controllo del nodo in cui sono ospitati i file e le applicazioni. Inoltre, il trasferimento dei dati tra i diversi nodi è gratuito per i clienti dei Vdc di Interoute, rendendo così estremamente flessibile ed economicamente efficiente l’elaborazione dati multi-zona e le relative architetture, in modo da poter raggiungere più mercati in tutto il mondo.