Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL REPORT

Italia stabile nell’adozione del cloud, la burocrazia è un freno

Secondo il Global Cloud Computing Scorecard 2018 di Bsa il nostro Paese si colloca al nono posto tra i più avanzati al mondo, calando di una posizione. Ma alcuni requisiti per la registrazione ai servizi ostacolano la diffusione della tecnologia. Germania in pole

06 Mar 2018

Italia stabile sull’adozione del cloud. Secondo i risultati del Global Cloud Computing Scorecard 2018 di Bsa-The Software il nostro Paese si situa al nono posto fra le 24 nazioni principali a livello economico, con un leggero decremento rispetto alla classifica del 2016, che ci vedeva all’ottavo posto.

La discesa nella classifica è legata alla migliore performance di altri paesi –  in particolare in termini di infrastruttura IT e sviluppo della banda larga – e al ribilanciamento della metodologia Scorecard. La nuova edizione dello studio utilizza una metodologia aggiornata che meglio riflette le politiche che hanno aiutato la crescita esponenziale del cloud computing negli ultimi cinque anni, ponendo maggiormente l’attenzione sulla privacy, la sicurezza informatica e le infrastrutture a banda larga dei paesi.

Nel 2018 la maggior parte dei paesi continua a migliorare, ma alcuni mercati sono in ritardo. La Germania ha ottenuto il punteggio più alto nello Scorecard, grazie alle sue politiche nazionali sulla sicurezza informatica e alla promozione del libero scambio, seguita da vicino dal Giappone e dagli Stati Uniti. Chiudono invece la classifica Russia, Cina, Indonesia e Vietnam, che non sono riusciti ad allinearsi all’approccio internazionale.

L’Italia si è dotata di un quadro legislativo italiano sulla protezione dei dati esauriente e garantisce un adeguato livello di protezione della proprietà intellettuale per i servizi di cloud computing, inclusa la tutela “safe harbor” relativa alla responsabilità per la violazione di terze parti. Ma prevede alcuni requisiti di registrazione che risultano onerosi e non necessari.

Sul fronte cybercrime il Paese ha sviluppato un’adeguata e concreta strategia di sicurezza informatica nel quadro dell’Agenda Digitale Italiana. Stesso discorso sulla legislazione relativa alla firma elettronica e all’e-commerce, nella quale sono rispettati gli standard internazionali e l’interoperabilità.

Secondo Bsa politiche avanzate in materia di privacy e sicurezza sono gli elementi di distinzione dei principali paesi in classifica rispetto ai mercati in ritardo. I paesi continuano ad aggiornare e perfezionare i loro sistemi di data protection, il più delle volte con modalità che consentono flussi di dati attraverso i confini nazionali. Diversi paesi, tuttavia, non hanno ancora adottato adeguate leggi in materia di privacy. I mercati “maturi” sono però frenati dalle deviazioni dagli standard adottati e dagli accordi internazionali frenano i mercati chiave. Standard, certificazioni e test riconosciuti a livello internazionale aiutano infatti a migliorare l’ambiente di sicurezza per il cloud computing, ma non tutti i paesi riconoscono tali best practice come conformi agli standard locali.

Discorso diverso per i mercati emergenti che continuano a essere in ritardo nell’adozione di politiche favorevoli al cloud, ostacolandone la crescita. Le normative impongono barriere significative per i fornitori di servizi cloud, requisiti di localizzazione dei dati e una scarsa tutela in termini di cybersecurity.

Infine, secondo Bsa, un’accresciuta attenzione sullo stato dell’arte dell’infrastruttura IT e della banda larga porta a risultati interessanti. La capacità di paesi e aziende di far leva sul cloud computing per la crescita richiede l’accesso a una rete potente. Mentre quasi tutti i paesi continuano a lavorare per migliorare l’accesso alla banda larga, il successo di tali sforzi rimane ancora poco consistente.

“Il Global Cloud Computing Scorecard è uno strumento che può aiutare i paesi a valutare in modo costruttivo le proprie politiche e quindi definire le azioni successive per incrementare l’adozione del cloud computing – spiega Victoria Espinel, presidente e ceo Bsa – Il cloud computing consente a chiunque di accedere a tecnologie in precedenza disponibili solo per le grandi organizzazioni, aprendo la strada a una maggiore connettività e innovazione. I paesi che adottano il libero flusso di dati, implementano soluzioni di cybersecurity all’avanguardia, proteggono la proprietà intellettuale e definiscono un’infrastruttura IT che continuerà a raccogliere tutti i benefici del cloud computing per le aziende e per i cittadini. ”

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

B
bsa the software alliance
C
Cloud

Articolo 1 di 5