Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SCENARI

La spesa IT globale al ribasso. Ma il cloud reggerà l’urto

Secondo Idc gli investimenti 2020 passeranno dal +5,1% al +1,3%, con forte impatto nell’area Asia-Pacifico dove si concentra la produzione. A soffrire di più sarà l’hardware mentre continueranno a registrare performance al rialzo le soluzioni per la virtualizzazione, il digital workplace e l’automazione industriale

26 Mar 2020

Antonio Dini

Nel peggiore degli scenari, la crescita per il 2020 della spesa Ict nel mercato Asia-Pacifico sarà limitata all’1,2% anziché al 5,2% originariamente previsto. Questo è quanto risulta dalle analisi di Idc, che sta valutando l’impatto globale dell’epidemia di coronavirus su tutti i mercati e le industrie del pianeta. Il settore dell’Ict non è risparmiato.

La stima fatta da Idc a gennaio prevedeva che l’aria Asia-Pacifico, con l’esclusione di Cina e Giappone, avrebbe visto una crescita di oltre il 5,2% della spesa Ict rispetto all’anno prima grazie alle aziende che avrebbero fatto partire una serie di progetti di trasformazione digitale spingendo la vendita di software, hardware e servizi digitali, oltre alle spese in infrastrutture. I primi indicatori di questa tendenza però sono cambiati molto rapidamente nelle ultime settimane e hanno fatto calare le stime della crescita della spesa in Ict al 1,2% (a febbraio una stima meno pessimistica segnava invece una spesa in crescita del 4.0%).

Secondo Idc la spesa IT globale crescerà dell’1,3% anziché del 5,1% come previsto originariamente. Il paese più impattato è previsto che sia la Cina, con un declino del -2% per l’area Asia-Pacifico incluse Cina e Giappone.

“Alcuni degli effetti maggiori – ha detto Sandra Ng, vicepresidente di Idc per l’Asia-Pacifico – come risultato dell’impatto del coronavirus sono quelli nel cambiamento della domanda di tecnologie, processi e attitudini per quanto riguarda il lavoro da casa, e per i problemi di continuità registrati dalla filiera dei fornitori”.

Secondo l’analista non tutte le aziende hanno la cultura o gli strumenti per far partire attività di smart working, e il carico delle reti è comunque senza precedenti. Anche in paesi come Singapore, India, Hong Kong e Nuova Zelanda l‘impatto sulla banda di videochiamate, conference call e piattaforme di collaborazione è stato notevole.

Digital event, 29 aprile
Data Scientist: quali sono le competenze giuste? E quali gli attuali ambiti di applicazione?
Big Data
Intelligenza Artificiale

Il blocco di parti della filiera dei fornitori sta impattando sulla produzione impedendo che i prodotti vengano assemblati e spediti: “L’impatto è enorme”, dice il responsabile di Idc Insights Asia-Pacifico.

In situazioni ordinarie, spiega Idc, la spesa in personal computer, smartphone e periferiche cuba l’80% di quella hardware. Ma il coronavirus impatterà fortemente questo settore e nello scenario peggiore si passerà da una stima anno su anno del +3% a una del -3%

Anche la spesa nel software rallenterà pressocché interessando i principali settori: dai trasporti al manifatturiero, dal retail ai servizi fino al settore bancario. Di contro ci saranno aree che invece continueranno a mantenersi salde: cloud, digital workplace e tecnologie di automazione non saranno colpite dalla crisi, stima Idc.

Per i servizi It, la spesa prevista scende dal +5,6% al +4,6% nel 2020. Sono già in corso di rinegoziazione numerosi contratti. La previsione per questo segmento di mercato in Asia-Pacifico escluso il Giappone è che i primi nove mesi vedranno un calo sensibile con un rimbalzo positivo negli ultimi tre mesi dell’anno.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5