Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'ANALISI

Reti aziendali, quelle del futuro saranno ibride e “software defined”

Cresce il mercato delle Sd-Wan mentre diventa sempre più forte l’esigenza delle imprese di personalizzarle e controllarle. Ian Keene (Gartner): “Le tecnologie 5G avranno un ruolo importante nello sviluppo del settore”

13 Mag 2019

Antonio Dini

Il mercato sta decollando. Le software defined Wan (Sd-Wan), cioè le reti aziendali estese che consentono di integrare svariate tecnologie di accesso come i servizi di routing dinamico, stanno infatti prendendo sempre di più spinta. Il merito è dell’insicurezza dei collegamenti “sicuri” tradizionali, ma anche la loro complessità, i costi di gestione, la rigidità, l’impossibilità di realizzarli a 360 gradi attraverso reti e cloud eterogenei.

È un aumento del mercato fino a 2,1 miliardi di dollari per il 2020, partendo dai 1,44 miliardi dello scorso anno, secondo le stime della società Futuriom, che da tre anni segue questo mercato. Il merito è del settore enterprise, che è quello che sta dando più attenzione al mercato Sd-Wan. Su 130 aziende intervistate circa i tre quarti stanno attivamente lavorando su questo tipo di soluzione. Ma la grande prospettiva, secondo gli analisti, è quella del segmento delle Pmi, che saranno sempre più interessate a soluzioni semplici e dai prezzi contenuti e prevedibili, che permettano di sfruttare al massimo l’estrema mobilità della forza lavoro di oggi.

Le Sd-Wan permettono infatti maggiore controllo, maggiore visibilità (che si traduce anche in una migliore esperienza d’uso) e opzioni di accesso a banda larga più economiche. Secondo quanto ha detto a CorCom Atchison Frazer, responsabile mondiale del marketing di Versa Network, azienda specializzata in questo tipo di soluzioni, “tra le ragioni per le quali questa tecnologia sta diventando così popolare c’è la scoperta che una architettura hardware open consente una maggior scelta e una più facile migrazione dai sistemi proprietari di gestione e di routing e switching”.

Secondo Philip Griffiths, responsabile Emea per le partnership di NetFoundry, oggi il punto di vista del mercato rispetto ai fornitori di queste tecnologie è l’opposto di quello di alcuni anni fa: “Oggi siamo alla visione “zero trust”, fiducia zero. Perché serve che nessuno abbia la possibilità di guardare dentro i dati aziendali, né i fornitori né tantomeno governi ed altre entità. Dal nostro punto di vista lo sviluppo delle tecnologie è lineare e si punta ad andar oltre le Sd-Wan tradizionali: noi ad esempio offriamo una rete che è un overlay sopra le altre reti sviluppato in maniera estremamente rapida, utilizzando la internet pubblica in maniera sicura perché ‘blindata’. È una collettività a 360 gradi che va oltre la semplice connessione di branch aziendali: pensiamo al mobile, alle app, ai servizi a valore aggiunto per i nostri clienti e soprattutto all’agilità”.

Al di là dei vantaggi tecnici, come ricorda l’analista di Gartner Ian Keene, ci sono anche quelli che derivano dalla maggior plasmabilità delle tecnologie a disposizione dei fornitori. Ad esempio, Adara: il suoi Sd-Wan Cloud per cloud personale e Internet of Things è basato esclusivamente sui servizi mobile. Utilizzando app sia la versione per Android che per iOS. Adara offre la Sd Wan for mobility, compatibile anche con Amazon Appstore e Amazon Fire Tv e Tablet, mentre deve ancora sbarcare sugli store di Google, delle terze parti su Android e su iOS. La soluzione è parte di un pacchetto più generale di Cloud Sd Wan che Adara offre sul marketplace di Aws, la divisione autonoma per il cloud computing di Amazon.

“È un mercato tecnologicamente complesso – dice Ian Keene – che è destinato a espandersi ancora di più dal momento in cui si prende in considerazione il contestuale sviluppo delle tecnologie 5G, che avranno un importante ruolo in tutto ciò”.

Infatti, secondo Jean-Baptiste Su, analista di Atherton Research con sede nella Silicon Valley, la ricerca di una maggiore semplicità d’uso si intreccia anche con la crescente complessità e ricchezza di strumenti a disposizione di chi sviluppa queste tecnologie: “Il network sta diventando il punto centrale del mondo delle comunicazione. Poche persone erano d’accordo, oggi invece pochi ritengono che sia possibile creare delle reti più semplici da gestire che vengano gettate come dei ponti attraverso gli altri network preesistenti”.

Dal punto di vista degli utenti-imprese, le reti aziendali estese del tipo “software defined” sono uno strumento di grande semplificazione nella gestione delle risorse e delle competenze informatiche. Creano più valore e sicurezza delle Vpn aziendali, consentono di far circolare più tipologie di dati e servizi, dando priorità alle applicazioni di volta in volta più importanti o più sensibili alla latenza (come la videopresenza) acquisendo una visibilità che permette di modulare la disponibilità complessiva e il consumo della larghezza di banda di ciascuna applicazione, posizione e utente. Il tutto attraverso reti, cloud e fornitori differenti, ibridando reti 3G, 4G e presto 5G con le dorsali in fibra e gli altri collegamenti forniti nelle differenti sedi e paesi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5