Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Con il Banco Farmaceutico i medicinali si donano online

09 Nov 2015

Donare un farmaco tramite smartphone, pc e tablet. Da oggi la lotta contro la povertà sanitaria avrà un nuovo alleato nella ricerca delle donazioni di farmaci a chi non se li può permettere: l’app DoLine, presentata oggi a Milano e frutto degli sforzi di Fondazione Telecom e Fondazione Banco Farmaceutico Onlus.

L’applicazione unisce gli sforzi della onlus nel campo della raccolta e distribuzione di farmaci e la volontà della fondazione della compagnia telefonica di realizzare progetti innovativi a supporto dei nuovi bisogni della società. Il progetto ha inoltre vinto la prima edizione di Fondazione #ITALIAX10 di Telecom Italia, l’iniziativa che consente a chi lavora nel gruppo di aiutare una onlus o un’organizzazione del Terzo Settore ad ottenere un finanziamento.

Grazie all’integrazione dell’app con la piattaforma gestionale del Banco Farmaceutico BFOnline, sarà assicurata la piena tracciabilità del farmaco dall’acquisto fino alla sua consegna

L’applicazione permetterà anche di rispondere prontamente alla richiesta di medicinali in caso di emergenze sanitarie nazionali e internazionali a seguito di eventi come ad esempio calamità naturali o guerre.

Il pagamento per l’acquisto dei medicinali sarà effettuato tramite la piattaforma MONETAWEB sviluppata da SETEFI di Banca Intesa San Paolo, con la garanzia di riservatezza della transazione e la possibilità di utilizzare le principali carte di credito oggi in circolazione. Inoltre, i donatori godranno dei consueti benefici fiscali previsti per la donazione di denaro in favore di una onlus.

Una volta scaricata l’app, una interfaccia intuitiva permetterà con semplici passaggi di individuare il farmaco da donare e l’ente beneficiario (un ente caritativo o il Banco Farmaceutico stesso che provvederà ad indirizzarlo a chi ne farà richiesta). Sarà poi Banco Farmaceutico a coinvolgere le farmacie tra quelle aderenti al sistema al fine di raccogliere l’ordine e mettere a disposizione il farmaco all’ente prescelto.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2