L'OPERAZIONE

Credit management, takeover di Covisian su Credires

Con l’acquisizione i ricavi complessivi si attesteranno a 20 milioni e il gross book value affidato a oltre 7 miliardi. Aiezza: “Ci confermiamo punto di riferimento nel mercato”. Avanti tutta su soluzioni basate sull’AI

Pubblicato il 27 Nov 2023

RAFFAELE-AIEZZA-COVISIAN

Covisian Credit Management (Ccm) acquisisce il 100% di Credires.  L’operazione rientra nel percorso strategico che vede il Gruppo Covisian sempre più focalizzato nella crescita come tech company all’avanguardia per le soluzioni digitali sviluppate, adottate e distribuite su un ampio ventaglio di soluzioni e servizi.

Avanti tutta sull’innovazione

“Questa operazione – spiega Raffaele Aiezza, General Manager di Covisian Credit Management – conferma la strategia di investimento e sviluppo del Gruppo Covisian in ambito debt collection. Siamo particolarmente felici che Ccm possa rafforzare il proprio posizionamento di mercato grazie all’acquisizione di Credires. Un’azienda storica, performante, gestita da persone estremamente capaci e professionali. Siamo certi che l’unione delle competenze, unita alle capability del Gruppo Covisian sul digitale e sull’AI, possa arricchire reciprocamente le già importanti potenzialità umane e tecnologiche a disposizione, per poter offrire ancora maggiore solidità e capacità di innovazione e ai  nostri Clienti e confermarci punto di riferimento nel mercato del credit management.”

WHITEPAPER
Regolamento Dora: ecco come individuare le criticità in ottica di compliance
Financial risk management
Contabilità

“Si tratta di un’acquisizione strategica, guidata, come tutte le iniziative del Gruppo Covisian, da una forte componente tecnologica – sottolinea Marcello Faticoni Group Chief Financial Officer di Covisian – Grazie a continui investimenti nell’innovazione digitale, siamo sempre più in grado, come gruppo, di disseminare i vantaggi di applicazioni come quelle basate sulla generative AI su un ventaglio sempre più ampio di servizi e di utilizzi, applicando la tecnologia con un approccio human to human e per il miglioramento della qualità della vita delle persone e delle imprese. L’operazione inoltre consente di rafforzare l’offerta di Covisian Credit Management – società appartenente al gruppo Covisian –  e accelerarne la crescita con un valore complessivo di ricavi che si attesterà a circa 20 milioni per il primo anno con aspettative di crescita sostenibili e ragionevoli considerando un Gbv di oltre 7 miliardi su base annuale”.

“Nella vita il cambiamento è inevitabile e per l’azienda ancora di più, anche in considerazione della velocità con cui cambia il mercato e delle dinamiche aziendali – ha dichiarato Laura Gianfaldoni Amministratore unico di Credires -. Per evolvere, però, c’è bisogno di competenze, preparazione, progettazione e una buona dose di coraggio. Ed è di coraggio che mi sono munita perché dopo 55 anni trascorsi sulla tolda della nave non è facile mollare gli ormeggi e perdere le sicurezze che danno le abitudini. Sono certa, però, che questo cambiamento modificherà in meglio il futuro di tutti noi.”

La due diligence

Nella fase di due diligence Ccm è stata assistita da un team di Kpmg guidato da Massimiliano Battaglia ed Alberto Vaccaro e da Alberto Cirillo e Valeria Virzì per l’assistenza contrattuale. Credires, invece, è stata assistita da Cross Border nelle figure di Alessandro Baroni e Antonio di Paoli assistiti da Viola e Stefano Bonamici dello Studio Bonamici di Fucecchio (PI).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Argomenti trattati

Aziende

C
covisian
C
credires

Approfondimenti

F
Fintech

Articolo 1 di 3