FINTECH

Criptovalute, continua la crisi: Coinbase perde 1,1 miliardi

In sofferenza la principale piattaforma di scambio statunitense con transazioni che si riducono gradualmente di numero e valore. La società rivede al ribasso l’outlook e annuncia un taglio del 18% del personale

10 Ago 2022

Domenico Aliperto

bitcoin_709061209

Sulla scia del tracollo delle criptovalute, Coinbase, la principale piattaforma statunitense per lo scambio di moneta virtuale, ha registrato nel secondo trimestre del 2022 una perdita di 1,1 miliardi di dollari. Per capire l’entità del danno, basti pensare che nello stesso quarter dello scorso anno la società aveva messo a segno 1,59 miliardi di utile netto. Le entrate del gruppo sono diminuite di quasi il 64%, mentre i ricavi delle transazioni al dettaglio sono stati di 616,2 milioni di dollari, in calo del 66% e al di sotto del consenso di 667,1 milioni di dollari tra gli analisti intervistati da StreetAccount. Il fatturato è così sceso a 808 milioni di dollari contro i 2,2 miliardi del secondo trimestre 2021. Dati che hanno determinato una perdita del 5% del titolo in borsa, e che sono per l’appunto da imputare prevalentemente alla crisi che dallo scorso novembre sta interessando il settore delle criptovalute nella sua interezza.

Il mercato alle prese con l’inverno delle criptovalute

Le controversie sulle criptovalute hanno contribuito a far scendere i prezzi in quello che alcuni osservatori hanno definito un “inverno delle criptovalute“. Le azioni di Coinbase sono crollate del 75% durante il secondo trimestre, mentre il prezzo del bitcoin è sceso di circa il 59%. La prima delle criptovalute si attesta attualmente a 23.246 euro, in calo del 3,87% nelle ultime 24 ore. Anche Ethereum ha registrato una performance negativa, lasciando sul terreno il 5,61% e attestandosi a un valore di 1.702 euro. Non stupisce dunque che altre piattaforme di scambio, come Celsius Network e Voyager Digital Holdings, hanno già dichiarato bancarotta.

WHITEPAPER
Energy e Blockchain: quali opportunità?
Blockchain
Utility/Energy

“Il secondo trimestre è stato un test di durabilità per le società di criptovalute e un trimestre complesso nel complesso”, ha affermato la società in una lettera agli investitori. “I drammatici movimenti del mercato hanno spostato il comportamento degli utenti e il volume degli scambi, il che ha influito sui ricavi delle transazioni, ma ha anche evidenziato la forza del nostro programma di gestione del rischio”.

La società ha spiegato di aver contato 9 milioni di utenti attivi mensili durante il periodo, in calo rispetto ai 9,2 milioni del primo trimestre, ma più degli 8,7 milioni previsti da StreetAccount.

Le strategie di Coinbase per il breve termine

Nel prossimo futuro Coinbase non solo manterrà il blocco delle assunzioni, ma taglierà anche il 18% del personale. Le risorse sulla piattaforma sono diminuite trimestre su trimestre da 256 miliardi a 96 miliardi di dollari, principalmente a causa della pressione sui prezzi delle criptovalute, ha affermato Coinbase.

“Anche se abbiamo visto deflussi netti nel secondo trimestre, abbiamo osservato che la maggior parte di questo comportamento riguardava i clienti istituzionali che riducevano i rischi e vendevano criptovalute per fiat invece di ritirare le loro criptovalute su un’altra piattaforma”, ha aggiunto Coinbase nella lettera agli azionisti. “Di conseguenza, la nostra quota di mercato sulla capitalizzazione di mercato totale delle criptovalute è scesa al 9,9% dall’11,2% nel primo trimestre”.

La società ha aggiornato l’outlook per l’intero anno. Ora prevede da 7 milioni a 9 milioni di utenti che effettuano transazioni mensili, in calo da un intervallo compreso tra 5 milioni e 15 milioni di tre mesi fa. La direzione ha affermato di aspettarsi entrate medie delle transazioni per utente nella fascia bassa di 20 dollari.

“Naturalmente, non controlliamo i fattori macroeconomici o la flessione”, ha commentato il Ceo Brian Armstrong in una teleconferenza con gli analisti riportata da Cnbc. “Non controlliamo nemmeno il mercato delle criptovalute in modo più ampio, giusto? Allora cosa controlliamo? Bene, ovviamente possiamo concentrarci sulla creazione di ottimi prodotti per i nostri clienti. Possiamo concentrarci sul rimanere all’avanguardia della tecnologia crittografica per assicurarci di creare casi d’uso convincenti e renderli disponibili ai nostri clienti. Possiamo concentrarci sulla nostra gestione delle spese nei mercati ribassisti e, francamente, possiamo assicurarci di non essere distratti o disillusi dal pensiero a breve termine”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

C
Coinbase

Approfondimenti

C
criptovalute
C
crisi
T
trimestrale

Articolo 1 di 5