Cybersecurity, Argenti: "La chance delle convenzioni Consip" - CorCom

LA SURVEY DI CORCOM

Cybersecurity, Argenti: “La chance delle convenzioni Consip”

Innovazione nella PA, il Responsabile vendite Enterprise & Government Forcepoint Italia: “Per gli enti che le utilizzano annullato il rischio di riduzione budget per spese di investimento: possono essere acquistate le soluzioni presenti ai costi già convenzionati, senza passare da gare pubbliche”

17 Nov 2016

Massimo Argenti, Responsabile vendite Enterprise & Government Forcepoint Italia

Oggi la discussione in merito alla strategia nell’innovazione della PA è quanto mai viva e si possono osservare azioni concrete, come la Convenzione SPC Cloud di Consip, un’opportunità particolarmente interessante per le PA che si vogliono dotare di Soluzioni di Cyber Security in grado di far fronte agli attacchi di oggi, sempre più mirati e complessi.

Le soluzioni di cybersecurity Forcepoint sono oggi parte del Lotto 2 della Convenzione, che include servizi per la prevenzione e gestione degli incidenti informatici e per l’analisi delle vulnerabilità delle componenti hardware e software dei sistemi informativi della PA.

I servizi a disposizione delle Amministrazioni vanno dalle soluzioni di protezione perimetrale e Next Generation Firewall, a quelle di protezione maggiormente evoluta come Content Security e Data Loss Prevention.

WHITEPAPER
Quali sono stati i casi di cybercrime più aggressivi degli ultimi anni? Scoprilo nel white paper
Cybersecurity

In particolare, Forcepoint e’ presente all’interno della convenzione con le proprie soluzioni di protezione della navigazione web e di Data Loss Prevention.

La fornitura delle soluzioni previste all’interno della convenzione avverrà nell’arco dei prossimi 5 anni e pone un importante focus sul tema della Sicurezza Digitale della PA.

Gli enti che utilizzano le Convenzioni Consip non subiscono il rischio di vedere i propri budget ridotti per spese di investimento e possono acquistare le soluzioni presenti ai costi già convenzionati, senza dover istruire gare pubbliche. L’accordo costituisce un passo rilevante verso la standardizzazione ed armonizzazione della sicurezza digitale nella PA, condizione necessaria per offrire livelli di sicurezza omogenei e migliorare la protezione dei dati dei cittadini.