Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

IL PROGETTO

Sicurezza a tutto tondo per le connected car, asse Trend Micro-Panasonic

Obiettivo dell’alleanza è lo sviluppo di soluzioni ad hoc per rilevare e prevenire attacchi hacker nei veicoli. Il debutto sul mercato dopo il 2020

14 Feb 2018

F. Me

Sicurezza a tutto tondo per le connected car. Panasonic Corporation e Trend Micro si alleano per sviluppare soluzioni di cyber security per rilevare e prevenire gli attacchi hacker. Il debutto sul mercato è previsto dopo il 2020.

Si punta a raggiungere standard di sicurezza maggiori tramite una soluzione per rilevare e prevenire le intrusioni all’interno delle Electronic Control Units (EcUs) che gestiscono i comandi di guida, come l’accelerazione, lo sterzo e i freni, ma anche nei dispositivi interni di infotainment (Ivi), inclusi i sistemi di navigazione e i device telematici.

 I rischi che gli hacker prendano il controllo dei sistemi di sterzo e frenata, nelle connected car, sono reali. Ogni giorno vengono scoperte nuove vulnerabilità di security che fanno aumentare i rischi di exploit da remoto. Per questo motivo è molto importante non solo implementare le misure di sicurezza in ogni veicolo, ma anche analizzare i nuovi attacchi, monitorando dal cloud i sistemi interni al veicolo, e utilizzare i risultati per sviluppare contromisure agli attacchi.

Questa partnership farà leva sulla tecnologia per la prevenzione e il rilevamento delle intrusioni Control Area Network (Can), di Panasonic, e Trend Micro IoT Security. La tecnologia di Panasonic sarà in grado di rilevare qualsiasi comando non autorizzato inviato all’unità di controllo delle operazioni di guida, mentre Trend Micro IoT Security, che utilizza l’intelligence globale Trend Micro e la expertise come le analisi malware, verrà implementata sui dispositivi Ivi (In-vehicle infotainment). Attraverso questa partnership, gli eventi identificati da entrambe le tecnologie verranno raccolti e inviati a una piattaforma di analisi nel cloud, per rilevare e bloccare il traffico sospetto.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5