Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Cybersecurity, Usa e Russia insieme contro gli hacker

In una due giorni a Ginevra le delegazioni dei due Paesi decidono di rafforzare la cooperazione bilaterale per la sicurezza informatica. Obiettivo: contrastare l’uso di Internet a scopi criminali e terroristici

25 Apr 2016

A.S.

Russia e Stati Uniti decidono di rafforzare la collaborazione “per contrastare la criminalità informatica e l’uso di Internet a scopi terroristici”. Ad annunciarlo in una nota è il Consiglio di sicurezza russo, secondo cui i due Paesi hanno deciso di continuare a costruire le proprie relazioni nel campo dell’informazione di sicurezza e di “cooperazione bilaterale”.

I rappresentanti diplomatici dei due Paesi ne hanno discusso in un summit di due giorni a Ginevra, affrontando le prospettive per l’adozione di regole di condotta nel settore informazioni e sulle questioni di stabilità in questo settore, ha aggiunto il servizio stampa del Consiglio di sicurezza russo. All’ordine del giorno del summit anche questioni di miglioramento dell’efficienza nello scambio di informazioni attraverso i canali di comunicazione già attivati con l’intesa tra i due presidenti del 17 giugno 2013.

“Le parti – si legge nel comunicato – hanno convenuto di continuare a costruire relazioni in questo ambito in modo non conflittuale e in termini pratici, di intensificare la cooperazione bilaterale al fine di affrontare le minacce in materia di tecnologie dell’informazione e della comunicazione”.

La delegazione russa era guidata dal vice segretario del Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa Sergey Buravlev, la delegazione degli Stati Uniti dall’assistente speciale del Presidente degli Stati Uniti sulla sicurezza informatica della Casa Bianca, Michael Daniel. Su entrambi i fronti c’erano esponenti degli Esteri, della Difesa, dell’Interno e dei servizi.

Articolo 1 di 2