Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL SERVIZIO

Da oggi il bonus cultura da 500 euro (ma con Spid), ecco come fare

Via alle richieste per le risorse destinate ai giovani per acquistare libri, ingressi ai musei e biglietti per il cinema. Obbligatorio registrarsi con il pin unico all’applicazione “18app”. Potenzialmente coinvolti 577mila ragazzi

15 Set 2016

F.Me

Il bonus cultura diventa realtà. Da oggi i giovani che compiono o hanno compiuto 18 anni nel 2016 potranno richiedere di usufruire della misura messa a punto dal governo, che affida a ognuno di loro la somma di 500 euro da spendere per acquistare beni e servizi legati alla cultura, come libri, ingressi ai musei, biglietti per cinema, teatri e concerti. Per farlo avranno a disposizione l’applicazione “18app”, a cui potranno accedere con le proprie credenziali Spid, il sistema pubblico di identità digitale.

“Questa sera parte la prima fase di 18app.it – spiega una nota di Palazzo Chigi – Sarà infatti disponibile in versione beta www.18app.it, il sito attraverso cui il Governo assegnerà ai ragazzi del 1998 residenti in Italia 500 euro da spendere in cultura a partire da ottobre”.

“In questa fase iniziale del progetto, gli esercenti (sia fisici che online) e gli enti culturali interessati – si legge – potranno iniziare a registrarsi e coloro che hanno già compiuto 18 anni nel 2016 potranno richiedere l’identità digitale Spid. Spid è necessario per ottenere il bonus cultura che potrà essere utilizzato per cinema, concerti, eventi culturali, libri, musei, monumenti, parchi naturali, aree archeologiche, teatro e danza. Il bonus sarà ottenibile e spendibile a partire dal prossimo mese fino al 31 dicembre 2017. Il sito è una webapp customizzata per mobile, quindi non scaricabile dagli store”.

Il bonus consentirà così di far iniziare i più giovani a prendere confidenza con l’identità digitale, che poi potranno utilizzare anche per accedere a tutti i servizi online della pubblica amministrazione. Per ottenere lo Spid i nati nel 1998 dovranno registrarsi tramite uno dei 5 identity provider, che sono Poste, Aruba, Tim, Infocert e Sielte.

Una volta ottenute le credenziali basterà installare sullo smartphone o sul tablet “18app”, da cui sarà possibile scegliere le attività o i beni da comprare da un elenco di esercenti, negozi, biblioteche, cinema, teatri, musei e servizi culturali. Per scaricare l’app bisogna collegarsi su www.18app.it o su www.diciottapp.it, avendo cura di fare il login utilizzando lo Spid.

Per consumare tutti i 500 euro i ragazzi avranno tempo fino a tutto il 2017. La misura coinvolge potenzialmente 576.953 giovani, e costerà alle casse dello stato fino a 290 milioni.

Il Bonus cultura aveva ottenuto il 7 settembre via libera del Consiglio di Stato, che aveva espresso parere positivo sullo schema di decreto. Palazzo Spada aveva tuttavia evidenziato come restino “possibili incertezze su applicazione e rischio di restrizione dei servizi“. La definizione dell’ambito di utilizzo del bonus, infatti, è secondo il Consiglio di Stato “generica” e “andrebbe precisata nel regolamento, onde fugare possibili incertezze sulla tipologia di beni e servizi acquistabili”.

Articolo 1 di 2