INNOVAZIONE

Da Tel Aviv a Gerusalemme, ecco come si espande il sistema startup in Israele

Gerusalemme è sede di oltre 300 startup nei settori di media, comunicazione, software, life science ed energia. Ora avanti tutta sui networking space

20 Set 2017

F.Me

Da Tel Aviv a Gerusalemme: il sistema israeliano delle startup si espande. La fotografia è scattata da un articolo uscito su Israel21c qualche anno fa, che aiuta a comprendere meglio l’attuale ecosistema startup di Gerusalemme ormai affermatosi a livello regionale e internazionale.

Secondo Made in Jerusalem (MadeinJLM), un’organizzazione privata che raccoglie sotto di sé imprenditori, provider di servizi startup e investitori di Gerusalemme, nel 2013 il numero delle startup della capitale d’Israele arrivava a 60 (un numero significativo, in confronto alle 10 startup dell’anno precedente). Anche il numero degli acceleratori è cresciuto in maniera considerevole, passando dal 2012 al 2013 da uno a sei acceleratori, da dieci a ottanta eventi in ambito tecnologico, e da quattro Venture Capitalist a nove.

Gerusalemme è adesso sede di oltre 300 startup nei settori di media, comunicazione, software, life science ed energia, tra cui, fra i più recenti, spiccano uMoove, ZUtA Labs, AnyClip, OrCam e BriefCam. Soltanto nell’ultimo anno sono stati conclusi affari per 110 milioni di dollari, che hanno coinvolto 35 nuove startup con base a Gerusalemme.

E lo sviluppo non s ferma. Stanno aprendo vari workspace condivisi e networking hub, come, per esempio: il Jerusalem Startup Hub-Center for Entrepreneurial Innovation, il Jerusalem Hub, l’Open Hub alla Biblioteca Nazionale, Parnassa per il settore ultra-ortodosso, Musrara Community Hub per design, arte e imprenditoria software, e infine PICO, che è anche una galleria per artisti israeliani emergenti.

WEBINAR
Ascolta Federico Frattini sul futuro della Smart Energy!Partecipa al live streaming Innovation2live

Alla Hebrew University di Gerusalemme, al Jerusalem College of Technology, all’Azrieli College of Engineering e alla Bezalel Academy of Art and Design sono stati formati dei business accelerators. Mentre la Jerusalem Center Young Association e il MATI Jerusalem Business Development Center hanno fondato a Gerusalemme il Forum per Giovani Imprenditori.

Hani Alami, un arabo-israeliano pioniere della telecomunicazione, ha recentemente co-fondato la Jerusalem Entrepreneurs Society and Technology (JEST), e spera di poter aprire presto il primo workspace-acceleratore-incubatore di Gerusalemme Est.

L’articolo completo è disponibile qui

Argomenti trattati

Approfondimenti

I
israele
S
startup
T
Tel Aviv